CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Toninelli a Perugia: “Salveremo le imprese, ora accelerare lavori E45”

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Extra

Toninelli a Perugia: “Salveremo le imprese, ora accelerare lavori E45”

Redazione politica
Condividi

PERUGIA– Il ministro dei trasporti e delle infrastrutture Danilo Toninelli era oggi a Perugia, dove è intervenuto nella sede di Confindustria Umbria, all’assemblea di Ance Perugia. Tantissimi i temi sul tavolo, quelli nazionali e quelli più prettamente locali. A fare gli onori di casa è stato il presidente sezione territoriale di Perugia di Confindustria Umbria, Maurizio Mariotti,  è intervenuto anche il neo presidente di Ance Perugia  Moreno Spaccia

Quadrilatero. Si parte parlando della Foligno-Civitanova, il cosiddetto Quadrilatero, con riferimento al cantiere dell’Asse Perugia-Ancona, recentemente visitato dal Ministro e dal presidente del consiglio Giuseppe Conte: “In quella occasione – dice – abbiamo ricevuto le istanze da parte del coordinamento delle imprese creditrici di Astaldi, che si sono trasformate in una norma importantissima: la norma salva imprese. Avremmo voluto inserirla nello sblocca-cantieri, ma non è stato possibile, così l’abbiamo inserita nel decreto crescita. La norma prevede che noi ristoreremo fino al 70% dei crediti. Penso che questo sia il migliore intervento che potesse fare il governo. Per quanto riguarda invece la E45, c’è da sollecitare Anas perché acceleri lo svolgimento dei lavori. Abbiamo messo 10 milioni nello sblocca-cantieri per le imprese locali. L’obiettivo è di riaprire, a tutto il traffico, il prima possibile. Quella tratta è particolarmente importante dal punto di vista economico, non solo regionale, ma anche nazionale”

Alitalia. Ovviamente, il tema di Alitalia e dell’ingresso di Atlantia, gruppo Benetton, nella cordata è stato uno dei temi: “Nessuno ci venga a dire che abbiamo cambiato idea – spiega –  Il capofila  Ferrovie dello Stato ha fatto una scelta in autonomia e siamo fiduciosi che questo percorso possa definitivamente rilanciare Alitalia. Ma il dossier Alitalia serve a rilanciare il vettore e i lavoratori, mentre sul fronte di autostrade, ci sono le concessioni: nessuno ci dica che questa scelta sia legata ad un baratto, non faremo un passo indietro su questo”.

Cantieri Poi ha parlato della questione ricostruzione e dei cantieri: “C’è ancora tanto da lavorare per dare piena efficacia al nuovo Fondo salva-imprese che abbiamo inserito nel decreto Crescita e che rappresenta una svolta anche per le piccole aziende fornitrici colpite dalle difficoltà della stessa Astaldi. Ma è stata una grande soddisfazione sentire stamattina i rappresentanti di queste circa 40 imprese edili umbre e marchigiane parlare di “risultato storico” di “grande sensibilità del Governo. Abbiamo agito anche per accelerare la ricostruzione sismica, pur nella consapevolezza che ci sia ancora tanto da fare. E con Anas stiamo dando il massimo per la riapertura totale del viadotto Puleto, sulla E45, nel pieno rispetto del lavoro della magistratura”