CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Il ministro Gualtieri a Terni: “Non c’è sviluppo senza welfare. Ast e Vetrya eccellenze”

Economia ed Imprese Terni

Il ministro Gualtieri a Terni: “Non c’è sviluppo senza welfare. Ast e Vetrya eccellenze”

Redazione
Condividi

TERNI – Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in visita a Terni per sostenere la candidatura di Vincenzo Bianconi a presidente della Regione. Gualtieri ha visitato l’azienda Vetrya ad Orvieto, poi l’incontro con l’Ad di Ast  e quindi ha incontrato sostenitori e militanti all’Hotel Valentino

Orvieto. “Un’azienda meravigliosa e all’avanguardia, è una bella pausa nel lavoro intenso che stiamo facendo”: lo ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, durante la sua visita alla sede di Vetrya di Orvieto. Gruppo italiano leader nello sviluppo di servizi digital, applicazioni e soluzioni broadband. Ad accoglierlo il fondatore, presidente e amministratore delegato, Luca Tomassini, e la co-fondatrice e direttore generale, Katia Sagrafena. Con loro il ministro ha fatto un tour del corporate campus – che si sviluppa per 10 mila metri quadri tra aree verdi, un centro sportivo, un’area museale, un roseto, spazi dedicati allo svago, centro estetico, work café -, poi in auditorium è intervenuto davanti ai dipendenti parlando del tema del digitale. Il gruppo Vetrya impiega circa 200 persone, per la maggior parte ingegneri informatici e delle telecomunicazioni con una media d’età di 33 anni e per quasi la metà donne.

Ast Incontro con l’amministratore delegato di Ast Massimiliano Burelli, poi a margine ha incontrato i sindacati: “Il governo segue la vicenda di Ast con grande attenzione sono fiducioso perchè una grande potenza industriale come l’Italia deve avere un’industria di base e un’eccellenza come Ast sono fondamentali per lo sviluppo del paese. Il governo ci crede”, ha detto.

 Decreto terremoto. Poi ha parlato del decreto sisma: “Credo che ci sia sempre più la propensione a votare con la testa e per il futuro. Per questo ci sarà una forte rimonta e credo che Bianconi possa vincere» ha detto il ministro ai giornalisti prima di entrare in sala. Sul decreto terremoto Gualtieri ha spiegato che si tratta di un decreto «che vuole dare una svolta importante ed un segnale concreto di impegno per i terremotati attraverso la proroga dello stato di emergenza, busta pesante, semplificazione con anticipazioni per la ricostruzione”

Crescita Infine, si è parlato di crescita e del lavoro del Mef: “Chi taglia gli investimenti pubblici non va da nessuna parte. Gli investimenti sono la leva per sviluppo e innovazione e la manovra italiana è dentro all’idea di sviluppo sostenibile dell’Europa”. Poi l’attacco al precedente Governo: “Aprendo i cassetti del Mef abbiamo trovato i frutti di un modello di governo fatto di demagogie, condoni e flat tax. Oltre a 23 milioni di tasse da disattivare. La nostra strada, invece, porta alla coesione sociale perchè non c’è sviluppo senza welfare e senza scuole pubbliche, pensioni e sanità universali. Il nostro modello fiscale equo e progressivo riduce le tasse su lavoro e produzione ma rilancia un modello di welfare pubblico”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo