CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Infrastrutture, Terni-Rieti: il mancato completamento finisce in Parlamento

Terni Politica

Infrastrutture, Terni-Rieti: il mancato completamento finisce in Parlamento

Redazione politica
Condividi

Un tratto della Terni-Rieti

TERNI – Un tema sempre caro ai ternani, ma non solo: il completamento della Terni-Rieti. Il caso è arrivato in Parlamento, attraverso una interrogazione del deputato di + Europa con Emma Bonino, il reatino Alessandro Fusacchia.

L’interrogazione è rivolta al ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli e Fusacchia dice: “Se il tema delle infrastrutture e dei collegamenti stradali è da tutti considerato come cruciale per Rieti, stupisce l’ombra scesa sul completamento ternano della superstrada Terni-Rieti”.

Il testo. Nel testo della interrogazione, Fusacchia scrive: ” I lavori per la realizzazione della strada statale 79 di collegamento tra la galleria Valnerina e il confine Umbria-Lazio (parte della direttrice Civitavecchia-Orte-Terni-Rieti) sono sospesi da tempo, a seguito della grave crisi della società Tecnis, che fu sottoposta a novembre 2015 ad interdittiva antimafia, poi revocata nel marzo successivo; attualmente la società è in amministrazione straordinaria per il salvataggio e rilancio delle grandi aziende in crisi in applicazione del decreto-legge n. 347 del 2003 e gestita da un commissario; tra i cantieri che rimasero bloccati dalla interdittiva, due in particolare interessano il reatino e sono quello di Micigliano e quello della Terni-Rieti;il 14 marzo 2018 il commissario pubblicava un «Invito a manifestare interesse per l’acquisto delle attività aziendali facenti capo alle Società del Gruppo Tecnis in AS» tra cui San Quirico scarl (Micigliano) e Ternirieti scarl; la manifestazione è per una dismissione integrale e solo in subordine parziale. Già in precedenza, però, il commissario aveva proceduto a suddividere i cantieri in «rami d’azienda»; l’8 agosto 2018, l’Anas ha annunciato la ripartenza del cantiere di Micigliano, a seguito di affitto di ramo d’azienda da parte di Tecnis”

Stallo “Al contrario – prosegue il parlamentare radicale – permane lo stallo sullo Terni Rieti”. Fusacchia fa riferimento al mancato completamento del ponte di collegamento fra Umbria e Lazio all’altezza di Colli su Velino, che blocca ulteriormente il progetto: ” L’Anas, – prosegue- sta operando da un anno per un nuovo bando di gara, finalizzato ad assegnare a un’altra società il cantiere. Un appalto tutto nuovo che dovrebbe permettere di riprendere i lavori entro l’anno per terminarli entro il 2020. Si chiede  se ci siano state manifestazioni di interesse per la Ternirieti scarl, quali siano le motivazioni per cui non si sia proceduto anche per questo tratto a un affitto di ramo di azienda e quale sia lo stato attuale del bando di gara citato”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere