CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Il Gubbio non sfrutta un Parma diesel: al Tardini rossoblù sconfitti per 3-1

Calcio Alta Umbria Sport

Il Gubbio non sfrutta un Parma diesel: al Tardini rossoblù sconfitti per 3-1

Redazione
Condividi

Casiraghi, trequartista del Gubbio

Parma-Gubbio 3-1

PARMA (3-5-2): Zommers; Coly (26’st’ Saporetti), Canini, Lucarelli; Mazzocchi (24’st Baraye), Corapi, Giorgino, Scavone (39’st Simonetti), Nunzella; Nocciolini, Calaiò. A disp,: Coric, Fall, Miglietta, Melandri, Garufo, Guazzo, Ricci, Messina, Evacuo. All.Apolloni
GUBBIO (4-3-1-2): Narciso; Pollace (44’stKalombo), Marini, Burzigotti, Petti; Valagussa, Giacomarro, Croce (38’stBergamini); Casiraghi (31’stMusto); Ferretti, Candellone. A disp.Volpe, Ferri Marini, Marghi, Conti, Costantino, Ricci. All. Magi
ARBITRO: Giua di Olbia.
MARCATORI: 8′ pt Ferretti (G), 19′ pt aut. Burzigotti (P), 2’st Calaiò (P), 2’st Nocciolini (P).
NOTE: Giornata piovosa, terreno di gioco in allenatato 9757 spettatori per un incasso di 51.210,93 euro. Ammoniti: nessuno. Angoli 4-1. Recupero: 0’pt 4’st

PARMA– Il sogno del colpaccio dura un tempo. Poi il Parma esce dalla tana, prende forza dai fischi dell’intervallo e chiude il conto. Al Tardini il Gubbio perde 3-1 con i gialloblù dell’ex Apolloni a lungo primi in classifica prima della vittoria del Bassano.

La partita. Poco da scegliere per Magi: il modulo, che resta alla fine con 4 dietro e chi gioca al fianco di Ferretti, con Candellone che vince il ballottaggio col rientrante Ferri Marini. Il Gubbio parte carico, forse troppo per un Parma che non ne aveva considerato la verve, in particolare da Casiraghi, che in posizione di trequartista svaria lungo tutto il campo mandando in crisi i controllori. Soprattutto in mezzo, i rossoblù sono più organizzati e alla prima occasione segnano: Canini sbaglia e lancia l’azione eugubina, filtrante di Casiraghi e gol di Ferretti. L’1-0 stordisce la squadra di Apolloni che tuttavia trova un pari incredibile su errore – l’ennesimo, dopo i due col Teramo – del portiere Narciso, al minuto 19: punizione di Corapi, il portiere sbaglia l’uscita e nel respingere a pugni chiusi colpisce Burzigotti, palla dentro, per un autogollonzo degno di Mai dire Gol.

Il Parma però è lento, il Gubbio ne approfitta: Croce ci prova prima al 25’ con un destro dai 25 metri che Zommers respinge e poi al minuto 37 da fuori area, destro che sfiora l’incrocio dei pali.

Ripresa col Parma avanti a testa bassa: doppio gancio che stende il Gubbio nei primi 5’. Segna Calaiò: errore della difesa del Gubbio raccolto da Nocciolini, palla a Corapi che lancia l’ex napoletano in agguato che entra in area e batte Narciso. Il portiere fa in tempo a girare in angolo una punizione da 30 metri ma centrale di Corapi e poi in cassa il bis: angolo di Mazzocchi, girata di Nocciolini e gol.

A questo punto il Gubbio va al tappeto, il Parma gioca sul velluto e ha anche due volte l’occasione per fare poker, prima sempre con Nocciolini, che fugge sulla destra entra in area e calcio forte, con Narciso che manda in angolo e poi con Baraye il cui sinistro sul primo palo è sempre respinto da Narciso

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere