CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Il Coronavirus ‘chiude’ le istituzioni: consiglio regionale a porte chiuse, stop a quelli comunali

Perugia Terni Politica

Il Coronavirus ‘chiude’ le istituzioni: consiglio regionale a porte chiuse, stop a quelli comunali

Redazione
Condividi
Palazzo Cesaroni
L'ingresso del consiglio regionale a Palazzo Cesaroni

PERUGIA – Il Coronavirus, o meglio il decreto della presidenza del Consiglio che definisce le misure per la prevenzione della diffusione del virus,chiude anche le istituzioni. Palazzo Cesaroni ha annunciato cje e sedute dell’Assemblea legislativa dell’Umbria si svolgeranno a porte chiuse per rispettare le indicazioni di sicurezza legate all’emergenza coronavirus. Lo ha deciso la Conferenza dei capigruppo, riunita insieme all’Ufficio di presidenza.   Le riunioni dell’Aula saranno senza pubblico esterno e con un ordine del giorno ridotto agli atti ritenuti essenziali.

Ingresso L’ingresso sarà interdetto anche a giornalisti e operatori dell’informazione, ma la pubblicità delle sedute sarà garantita dalla diretta streaming. L’obiettivo delle misure adottate (in vigore fino a tutto il periodo stabilito dal decreto sull’emergenza, 3 aprile) – spiega l’Assemblea – è di “assicurare le attività istituzionali essenziali garantendo i massimi standard di sicurezza tesi a evitare e contenere il contagio da Covid-19; mantenere aperto un confronto, in seno alla Conferenza dei capigruppo, tra Esecutivo e Gruppi di maggioranza e minoranza dell’Assemblea sull’evolversi della situazione e sulle scelte da adottare”.

Comuni I due comuni principali, Terni e Perugia hanno annunciato invece lo stop alle sedute. Si tratta di situazioni emergenziali ed è probabile che nelle prossime ore anche diversi altri comuni adotteranno lo stesso provvedimento. Sono state cancellate diverse manifestazioni pubbliche, non la mostra di Andy Warhol a Terni, che resta aperta con limitazioni all’ingresso

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere