CARICAMENTO

Scrivi per cercare

I prossimi appuntamenti alla Biblioteca degli Armeni di Perugia

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Extra Città

I prossimi appuntamenti alla Biblioteca degli Armeni di Perugia

Redazione cultura
Condividi

PERUGIA – Settimana densa di appuntamenti in arrivo alla Biblioteca San Matteo degli Armeni di Perugia. Si inizia mercoledì 14 dicembre (ore 18) con la presentazione dei libri La vera storia di Peter Pan. Un bacio salva la vita di Giovanni Salonia e Divenire genitori con. Modelli di coparenting e corpi familiari nella comunità post moderna ed in Gestalt Therapy di Aluette Merenda. Intervengono Rosella De Leonibus e gli autori. Ingresso libero. Giovedì 15 dicembre, alle ore 17, prenderà il via la conferenza Le donne e il tessile tra Medioevo e Rinascimento con Maria Grazia Nico Ottaviani (medievalista), Maria Luciana Buseghin (antropologa culturale), Franco Mezzanotte (associazione Vivi il Borgo), Maria Teresa Severini (assessore alla Cultura, Università e Turismo del Comune di Perugia). Ingresso libero. Ancora spazio ai libri, venerdì 16 dicembre alle ore 18, con la presentazione di Terremoto e rischio sismico (2014, Ediesse) di Maria Grazia Ciaccio e Giovanna Cultrera. Ad introdurre il volume sarà Carlo Alberto Brunori (ricercatore INGV). Le autrici e ricercatrici dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), si rivolgono a un pubblico di non addetti ai lavori per spiegare le basi scientifiche del terremoto – un fenomeno naturale presente da sempre nella vita e nelle terre abitate dall’uomo ma spesso dimenticato – l’impatto sociale che un sisma può avere sulla società e, infine, i modi attraverso i quali è possibile evitare che i terremoti si trasformino in catastrofi di grandi dimensioni. La settimana si concluderà sabato 17 dicembre alle ore 19 con Il Natale nella tradizione ortodossa, incontro con la comunità ortodossa di San Matteo degli Armeni e Valentin Midori. Un’occasione di dialogo e conoscenza. L’ingresso è libero, gradita la prenotazione.

Mostre – È inoltre possibile visitare le seguenti mostre: I nostri cuori non sono di pietra, dedicata ad Amatrice e composta da 23 fotografie di Emanuele Filograna all’indomani del terremoto (fino al 10 dicembre, ingresso libero); La camera oscura mostra fotografica del progetto “Sono contro la pena di morte perché…” a cura della Sezione Italiana di Amnesty International. Obiettivo del progetto è creare consapevolezza sulla brutalità della pena di morte coinvolgendo testimonial del mondo dell’arte e dello spettacolo e utilizzando diverse forme di espressione come la fotografia, il disegno, il racconto. Ne “La Camera scura”, il filo conduttore è lo stencil, una tecnica molto familiare tra ragazzi, riconoscibile e di grande impatto visivo: disegni stilizzati, realizzati tramite una semplice maschera di cartone e una bomboletta spray (fino al 16 dicembre, ingresso libero); Al carissimo Aldo, mostra di dediche ad Aldo Capitini sui libri della sua biblioteca (fino al 10 dicembre, ingresso libero).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere