CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, i bambini umbri lo disegnano come un mostro “che deve tornare da dove è venuto”

Cronaca e Attualità Alta Umbria

Coronavirus, i bambini umbri lo disegnano come un mostro “che deve tornare da dove è venuto”

Redazione
Condividi
Uno de disegni dei bambini
Uno de disegni dei bambini
PERUGIA – Un mostro che li costringe a stare a casa, impedendo loro di abbracciare i coetanei e i nonni: così vedono il coronavirus i bambini delle classi quarte della scuola elementare Giuseppe Di Vittorio, secondo circolo, di Umbertide. Nei disegni e nei modelli che hanno utilizzato per rappresentarlo, ricorrendo anche a palloni, tappi di bottiglia e altri materiali, il Covid-19 appare talvolta dai tratti scuri, altre colorato. Sorridente o con le caratteristiche ‘antenne’ che si vedono nelle foto realizzate dagli scienziati. “Maledetto virus torna da dove sei venuto. Noi ti salutiamo con un saluto” si legge in uno dei testi che accompagna i lavori dedicati al coronavirus. I disegni e le altre rappresentazioni sono state prodotte da una sessantina di bambini, nove anni la loro età, delle tre classi quarte della Di Vittorio. Sono stati poi inviati alle insegnanti che li seguono nella didattica a distanza e, tra l’altro, pubblicati sulla pagina Facebook della scuola.
Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere