CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio, via alla rivoluzione di Gennaio: la squadra cambierà volto

Calcio Sport

Gubbio, via alla rivoluzione di Gennaio: la squadra cambierà volto

Redazione sportiva
Condividi

Giammarioli e Torrente (foto Simone GrillI)

GUBBIO– Vincenzo Torrente, tecnico del Gubbio, ha dato un preciso input al direttore sportivo Giammarioli: rivoltare la squadra come un calzino. Sarà fatto, ma quasi certamente il mercato di riparazione che si apre domani passerà per alcune dolorose cessioni da monetizzare. Per rialzare la classifica, che vede i rossoblù in piena zona playout, servono giocatori di esperienza, perchè quella è mancata, ma  è più probabile, come Giammarioli stesso ha lasciato intendere, che si punterà sui giovani, perchè alla società interessano i contributi federali per il loro utilizzo. Si profilano almeno dieci cambi.

Operazioni in definizione. Ecco quindi che si va verso la cessione dell’uomo migliore, ovvero Sbaffo. Il centrocampista marchigiano, che spesso ha tirato fuori dal fuoco le castagne ai Lupi, è destinato a tornare nella sua regione: lo vuole la Sambenedettese, ma potrebbe anche finire alla Fermana, che potrebbe girare al Gubbio Francesco Stanco. Con De Silvestro che si è operato al crociato, sarebbe una grave perdita anche la cessione immediata – assai probabile – di Christian Cesaretti, richiesto dall’Arzignano Valchiampo ultimo in classifica e dal Cesena.

Al capolinea anche l’avventura di Marco Meli e Luzyadiu Bangu: gli ex Fiorentina, insieme all’albanese Erald Lakhti erano venuti per il rapporto di fiducia con l’ex tecnico Guidi, ma ora col cambio di allenatore, il primo tornerà in viola  per poi essere girato altrove e il secondo si libererà. Lakhti, che invece con Torrente ha giocato quasi sempre, potrebbe restare. In difesa, operazione definita per il difensore franco-congolese classe 1999 Amadou Tidjane Corbier, svincolatosi dal Brindisi in D, all’esordio fra i professionisti.

Altre operazioni. Sul mercato anche il difensore spagnolo Munoz: su di lui c’è la Vis Pesaro, che potrebbe mandare in Umbria l’attaccante Francesco Grandolfo. Torrente spinge poi per avere il centrocampista lituano Linas Megelaitis, classe 1998, che è sotto contratto sino al 2021 con la Sicula Leonzio: il tecnico lo ha avuto a Lecce. L’operazione potrebbe andare in porto con l’uscita di Loris Bacchetti, che potrebbe andare proprio ai bianconeri siciliani. Dei quali il Gubbio segue pure Mauro Bollino, classe 1994, esterno di attacco con una lunga esperienza in C. Più difficile arrivare a Benjamin Mokulu, che il ds Giammarioli ha avuto a Cremona ma che in questo momento sta lottando per i playoff a  Padova. In uscita l’attaccante Lorenzo Sorrentino è finito nel mirino del Rimini ma anche del Novara: si potrebbe fare coi piemontesi in cambio del difensore Lorenzo Visconti oppure dell’attaccante Lorenzo Pinzauti, poco impiegato. In attacco tuttavia, per ora gli obiettivi più concreti vengono dalla D:  Patierno del Bitonto (classe ’91; finora 14 gol) e Scotto del Mantova (classe ’90; finora 17 gol in 17 partite).

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere