CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio, truffa del ‘caffè sulla giacca’: ladri arrestati dai carabinieri

Cronaca e Attualità Alta Umbria

Gubbio, truffa del ‘caffè sulla giacca’: ladri arrestati dai carabinieri

Redazione
Condividi

Lieto fine: i carabinieri di Gubbio con l'anziano che ha recuperato la sua catenina doro

GUBBIO – È uno degli escamotage più vecchi, ma che trova sempre nuovi “estimatori” e, purtroppo, nuove vittime. È la cosiddetta truffa del “caffè (o gelato) versato sulla giacca” , versato volutamente con l’obiettivo di distrarre la potenziale vittima. Stratagemma utilizzato anche al mercato settimanale di Gubbio nei giorni scorsi, quando un anziano è stato avvicinato da due giovani che poi, usando il vecchio trucco, gli hanno sfilato la sua catenina d’oro con la medaglietta di sant’Ubaldo.

La catenina “sospetta”. Come spesso accade, per paura di critiche per essersi lasciato abbindolare, l’uomo in un primo momento non ha denunciato il fatto alle forze dell’ordine. Ma proprio nello stesso giorno una pattuglia dell’aliquota radiomobile della compagnia carabinieri di Gubbio, al termine del marcato, ha controllato due giovani “sospetti”, trovando addosso a uno di loro la medaglietta. i due, essendo non residenti a Gubbio, non hanno saputo giustificare in nessun modo il possesso della catenina dedicata al santo patrono che è stata sequestrata.

Il riconoscimento e la denuncia. Nei giorni successivi l’uomo si è però confidato con un carabiniere sull’accaduto, e il militare lo ha invitato in caserma dove il derubato, con grande entusiasmo, ha riconosciuto l’oggetto che gli era stato sottratto al mercato. I due responsabili sono stati quindi denunciati.

L’allarme dei carabinieri. “Tra le truffe più diffuse e più vecchie – riferisce una nota dell’Arma dei carabinieri – è quella del “gelato o del caffè versato volutamente sulla giacca” al fine di distrarre la vittima che viene derubata. Sono, nella maggior parte dei casi, donne con bambini, ma a volte anche ragazzi, con il gelato o con un caffè in mano che urtano le vittime  facendolo cadere sulla giacca. Poi, con la scusa di ripulirla, sfilano e  rubano il portafogli ovvero, nella stessa circostanza, persone con particolari abilità, pur senza sfilare la giacca, riescono a sfilare il portafogli o altri oggetti di valore come orologi o catenine o altri preziosi indossati dalla vittima.”

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere