CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio-Ternana, Bifulco risponde ad Espeche: pari al Barbetti nel derby

Calcio Sport Extra

Gubbio-Ternana, Bifulco risponde ad Espeche: pari al Barbetti nel derby

Emanuele Lombardini
Condividi

GUBBIO (4-2-3-1): Marchegiani; Tofanari, Schiaroli, Espeche, Lo Porto; Malaccari, Davì; De Silvestro, Casiraghi (40’st Plescia), Cattaneo (15’st Battista), Chinellato. A disp: Battaiola, Ferretti, Maini, Nuti, Pedrelli, Ricci, A.Conti, M.Conti, Benedetti,  Tavernelli, Battista.All. Galderisi
TERNANA (4-3-1-2): Iannarilli; Fazio (40’pt Castiglia), Diakité, Russo, Bergamelli (12’st Giraudo); Defendi, Paghera (32’st Callegari), Pobega; Rivas (40’pt Bifulco); Frediani, Marilungo. A disp.: Gagno, Vitali, Hristov,Mazzarani,  Vantaggiato, Boateng.All. Gallo
ARBITRO Maranesi di Ciampino (assistenti Fontemurato-Salama)
MARCATORI: 16’pt Espeche (G), 43’st Bifulco (T)
NOTE: Serata freddissima, vento forte, pioggia battente, terreno di gioco scivoloso. Spettatori 2000 dei quali 250 da Terni. Ammoniti: Paghera (T), Battista (G). Calci d’angolo: 2-3. Recuperi: 1’pt 3’st

GUBBIO – Pari e patta nel derby del Barbetti fra Gubbio e Ternana. Avanti pianissimo i rossoverdi, che tuttavia stavolta recuperano lo svantaggio, il Gubbio non sfrutta un secondo tempo poco brillante delle  Fere: finisce 1-1.

Le scelte. Formazione del Gubbio confermata rispetto alle indicazioni della vigilia, col solo Schiaroli al posto di Maini. In casa rossoverde, tridente con Rivas trequartista e Frediani al fianco di Marilungo.

Primo tempo. Parte malissimo la Ternana, perchè il Gubbio centra subito una traversa: semirovesciata spettacolare di Casiraghi che lascia di stucco Iannarilli e si stampa sul legno. Risponde la Ternana: cross di Frediani, tiro troppo strozzato di Defendi tra le braccia di Marchiegiani. La pioggia non aiuta ma la Ternana è la solita e i dubbi vengono fugati al 16′ quando il Gubbio segna: punizione di Casiraghi, colpo di testa di Espeche in anticipo su Rivas.

Malaccari e Davì chiudono tutti gli spazi alla Ternana che fatica tantissimo a riorganizzarsi; il Gubbio invece di tanto in tanto si riaffaccia: succede al 19′ quando Tofanari ci prova dalla media distanza, impegnando Iannarilli. Il solito Pobega prova a suonare la carica: minuto 22, cross di Marilungo, colpo di testa del centrocampista scuola Milan troppo centrale, para Marchegiani.

Cattaneo ha una bella occasione, alla quale risponde la Ternana con Frediani al 29′: Marilungo va via e mette in mezzo, Frediani di testa centra il palo; Pobega tenta la ribattuta ma Marchegiani ci arriva prima. Sul rovesciamento De Silvestro è imprendibile, lascia sul posto Paghera che evita il rigore ma lo libera per il cross, girata al volo di Casiraghi e palla alta di un niente. Gallo prova a scuotere il gruppo con due cambi prima dell’intervallo: fuori Fazio e Rivas, dentro Castiglia e Bifulco, con Defendi arretrato sulla linea dei terzini. Ok la mossa è giusta, perchè è proprio sull’asse dei nuovi entrati che la Ternana costruisce il pari: cross di Bergamelli, respinta della difesa eugubina, Castiglia mette in gioco Bifulco che batte a rete; Cattaneo devia quel tanto che basta per mettere fuori gioco Marchegiani.

Secondo tempo.  Gallo si gioca la carta Giraudo al posto di Bergamelli, risponde Galderisi con l’ex Battista al posto di Cattaneo. L’ingresso di Giraudo dà vivacità sulla sinistra, ma la squadra non sembra in grado di sfruttarla. Il Gubbio invece ogni tanto si affaccia: al  15′ occasione per  Chinellato: colpo di testa del numero 9, palla alta sopra la traversa.Sul fronte opposto, bella palla di Pobega, ma il giocatore la spreca con un tiro centrale, invece di servire un compagno libero.

La Ternana lentamente si spegne, Marilungo già poco incisivo si segnala per alcuni grossolani errori sottoporta. Il Gubbio dal canto suo si vede a sprazzi Battista ci prova alla mezzora ma Iannarilli para bene. Finale vivace: una occasione per parte su punizione, da buone posizioni, entrambe non sfruttate, poi Diakitè di testa spazza via un pallone pericoloso in area. La conclusione debole e centrale di Pobega nel recupero chiude il match.

 

Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1