CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio, strada Pian d’Assino: aggiudicato l’appalto del tratto Mocaiana-Pietralunga

Alta Umbria Politica

Gubbio, strada Pian d’Assino: aggiudicato l’appalto del tratto Mocaiana-Pietralunga

Redazione
Condividi

L'incrocio tra la vecchia Statale 219 e la variante nei pressi di Mocaiana

GUBBIO – E’ la Collini lavori di Trento l’impresa che si è aggiudicata il primo segmento di lavori per la realizzazione del nuovo tratto della “Pian d’Assino”, Mocaiana-bivio Pietralunga, il primo dei tre segmenti nei quali è stato suddiviso il lotto mancante per il completamento dell’arteria regionale lungo la Valle dell’Assino tra Gubbio e Umbertide.  Il consigliere regionale del Partito democratico Andrea Smacchi si dice “soddisfatto per l’aggiudicazione, anche se tardiva, del primo segmento di lavori per il nuovo tratto della strada Pian d’Assino, Mocaiana – bivio di Pietralunga”. Per Smacchi ora sarà necessario compiere gli interventi “a regola d’arte” e rispettare i termini previsti per la conclusione, dato che il territorio eugubino “non merita ulteriori lungaggini”.

Il commento di Smacchi  “Esprimo la mia soddisfazione per l’aggiudicazione, anche se tardiva, del primo segmento di lavori per il nuovo tratto della strada Pian d’Assino, Mocaiana – bivio di Pietralunga. Un evento che fa fare un notevole passo in avanti verso l’ultimazione
dell’arteria che collegherà Gubbio alla viabilità a scorrimento veloce Perugia – Ancona e nuova Flaminia dalla SS3 bis E45”. Così il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) commenta “l’apertura delle buste per l’esecuzione degli interventi, avvenuta nella sede nazionale di Anas, a Roma, e che sancisce l’assegnazione alla ‘Collini lavori’ di Trento”.
“La Pian d’Assino – ricorda Smacchi – è sempre stata attenzionata e monitorata dalla Regione Umbria, consapevole della sua importanza per il territorio. In ultimo lo scorso luglio avevo interrogato l’assessore regionale Giuseppe Chianella per conoscere le tempistiche relative all’assegnazione. In quella sede l’esponente della Giunta aveva ricordato che, stando a quanto riferito da Anas, l’assegnazione sarebbe avvenuta
entro settembre. Siamo di poco oltre la scadenza fornita, ma un obiettivo importante è comunque stato raggiunto. E’ fondamentale ora accelerare perché la Pian d’Assino – spiega Andrea Smacchi – ha già subito ritardi notevoli. Tre anni fa il Cipe calendarizzò l’intervento, destinando 180 milioni, di cui 72 per questo stralcio. Il progetto definitivo è stato approvato a novembre 2014, con l’opera divisa in tre stralci, di cui il primo assegnato ieri. I lavori sarebbero dovuti partire nel 2015, ma invece le lentezze burocratiche hanno stoppato l’iter di assegnazione. Il tutto arrivando al paradosso di non riuscire a partire con lavori già finanziati”. “Il tappo che impediva la partenza di questo stralcio però è saltato e dunque – conclude il consigliere regionale – è ora fondamentale andare avanti nei lavori, compiendo gli interventi a regola d’arte, rispettando anche i termini previsti per la conclusione, che parlano di 40 mesi: il nostro territorio non merita ulteriori lungaggini. Imprimendo una decisa accelerazione anche alla Pian d’Assino, l’Eugubino potrà così definitivamente mettere la parola fine al suo isolamento infrastrutturale”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere