CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio, pronti i primi 110 posti del parcheggio multipiano di San Pietro

Cronaca e Attualità Alta Umbria Extra

Gubbio, pronti i primi 110 posti del parcheggio multipiano di San Pietro

Redazione
Condividi

GUBBIO – La “grande incompiuta” viaggia verso una conclusione, seppure ancora parziale. Da giovedì 22 dicembre saranno disponibili infatti i primi 110 posti auto del parcheggio multipiano di San Pietro, concepito nell’ambito del Puc 1 (piano urbanistico complesso) dall’Amministrazione Goracci e fermo dal 2007 a causa del fallimento e poi del contenzioso aperto con l’azienda che doveva curarne la realizzazione (la “San Pietro project financing”). Il taglio del nastro è previsto giovedì alle 12 alla presenza del sindaco Filippo Mario Stirati, dell’assessore Alessia Tasso e di tecnici e dirigenti responsabili del cantiere.

“Dopo anni di inerzia abbiamo impresso un’accelerazione al completamento dei lavori – ha anticipato il sindaco – e finalmente possiamo consegnare alla città i primi 110 posti pubblici e gratuiti, con l’attivazione dell’ascensore di collegamento che esce su via Boncompagni e sbocca praticamente nel cuore di corso Garibaldi e del centro storico. Un investimento di circa 1 milione e 400 mila euro e un bel segnale che apre la strada alla realizzazione, il prossimo anno, per circa 900 mila euro, dei primi 40 box auto in vendita, alcuni già prenotati. Non escludiamo ulteriori box auto, ora che il Comune è proprietario non solo del suolo ma anche di tutte le costruzioni e opere realizzate. Procederemo nel frattempo alla sistemazione della facciata d’ingresso per recuperare un’apertura di visuale nonché alla realizzazione del muro di contenimento. Ripenseremo anche alla ridefinizione delle aree adiacenti la chiesa di San Pietro e lavoreremo per la riqualificazione dell’ex Palestra, un edificio ormai storico, che immaginiamo con una funzione pubblica e sociale, capace di rivitalizzare l’intero quartiere, dove è già attiva e presente la prospiciente Biblioteca Sperelliana”.