CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio più forte dell’infortunio a Cucchietti: espugna Macerata, battuta la matricola Matelica

Calcio Sport

Gubbio più forte dell’infortunio a Cucchietti: espugna Macerata, battuta la matricola Matelica

Redazione sportiva
Condividi

MATELICA (4-3-3): Cardinali; Masini (22′ st Fracassini), De Santis, Magri, Maurizii (40′ st Ruani); Calcagni (40′ st Peroni), Bordo, Balestrero (22′ st Barbarossa); Volpicelli, Moretti (22′ st Franchi), Leonetti. A disp.: Martorel, Puddu, Baraboglia, Pizzutelli. All.: Colavitto.
GUBBIO(4-3-1-2): Zamarion; Munoz, Uggè, Signorini, Ferrini; Oukhadda, Megelaitis, Malaccari (36′ st Formiconi); Pasquato; De Silvestro (36′ st Pellegrini), Gomez (44′ st Gerardi). A disp.: Elisei, Montanari, Cinaglia, Migliorelli, Lovisa, Sdaigui. All.: Torrente.
Arbitro: Sfira di Pordenone (Minafra e D’Ascanio di Roma 2); quarto uomo: Pezzopane di L’Aquila.
Marcatori: 25′ pt Gomez (G), 35′ pt Volpicelli (M), 44′ pt Ferrini (G), 10′ st Oukhadda (G).
Note: Gara giocata a porte chiuse. Ammoniti: Megelaitis (G), Leonetti (M), Bordo (M), Munoz (G). Angoli: 7-6. Recupero: 2′ pt; 5′ st.

MACERATA- Un Gubbio di cuore e grinta supera 3-1 il Matelica a Macerata e si prende tre punti importanti da dedicare al portiere Tommaso Cucchietti che giovedì in allenamento si è fratturato la mandibola ed è stato operato. Ne avrà per diverso tempo ma intanto l’ex Roma Emanuele Zamarion, al debutto, non ha deluso.

Primo tempo. La formazione marchigiana, matricola del campionato, resiste 35 minuti poi cede sotto i colpi del Gubbio, comunque sempre col pallino del gioco in mano. Al 7’ tiro di De Silvestro e sfera di poco sul fondo. Calcagni prova ad impegnare, senza esito, la difesa di casa, poi i rossoblù tornano a spingere. Il vantaggio del Gubbio arriva al 26’: cross di De Silvestro e stacco aereo vincente di Gomez, colpevole nella circostanza il portiere Cardinali che poteva fare di più.

Il Matelica reagisce e trova il pari al 35′: eurogol su punizione di Emilio Volpicelli che calcia da trenta metri e manda all’incrocio dei pali. Matelica vicinissimo al vantaggio al 38’: sassata di Bordo dal limite e pallone sulla traversa. Ancora padroni di casa vicini al gol: al 41’ occasione per Leonetti che però calcia alto da ottima posizione. Nel momento migliore dei locali arriva il gol del 2-1:  corner pennellato in area da Pasquato e colpo di testa di Ferrini che colpisce la traversa; si crea una mischia con Uggè che rimette la palla in mezzo e lo stesso Ferrini da terra con il piede destro in spaccata deposita la sfera in rete a fil di palo.

Secondo tempo.  Tempo 10′ e il Gubbio scrive la parola fine sul match: segna Oukhadda con una gran botta dal limite. Il Matelica prova a riorganizzarsi ma ne ricava solo una punizione di Volpicelli mandata in corner da Zamarion. Poco prima il Gubbio aveva sfiorato il poker con Gomez che si trova a tu per tu con Cardinali ma sciupa. L’intervento di Zamarion su Volpicelli al 20′ mette in ghiaccio un match che da qui alla fine regala un solo episodio, al 42′ quando  Ferrini in tackle va in anticipo su un avversario e colpisce in pieno sulla pancia il guardalinee che prima cade al suolo ma poi fortunatamente si rialza.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere