CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio, “Mostra del Tartufo”: evento con Lino Banfi e Mariano Laurenti

Eventi Cultura e Spettacolo Alta Umbria Extra Città

Gubbio, “Mostra del Tartufo”: evento con Lino Banfi e Mariano Laurenti

Redazione cultura
Condividi

Lino Banfi

GUBBIO – Appuntamento  speciale all’insegna della popolare storia della commedia sexy italiana, con uno degli attori  protagonisti più  noti, amati e seguiti dal pubblico,  Lino Banfi e con il  regista che ha firmato tante pellicole del filone,  Mariano Laurenti  che da 10 anni vive a Gubbio con la moglie Maria Pia e la famiglia del figlio Andrea.  L’evento, inserito nel programma della ‘Mostra del tartufo bianco’,  si terrà  sabato 29 ottobre, alle ore 17 presso il centro servizi Santo Spirito,  ha come titolo  “La città incontra Mariano Laurenti – omaggio al regista che ha divertito intere generazioni con i film della cosiddetta commedia sexy all’italiana”.

Insieme a Banfi,  ci sarà la bellissima  Laura Chiatti,  attrice umbra ormai affermata che ha girato proprio con Laurenti le sue prime due apparizioni sul grande schermo. Insieme a loro,  si ripercorreranno le storie e i film che hanno animato le sale cinematografiche con un genere che univa divertimento, suggestioni erotiche e luoghi comuni, e che oggi  sono considerati  dei ‘cult’, oltre che una riflessione riguardante i costumi del popolo italiano.  Nata all’inizio degli anni settanta,  la commedia sexy  ha avuto grande successo in Italia e in Sudamerica, per poi declinare a partire dal 1982-1983.  Nel corso dell’incontro di sabato 29 ottobre, al quale prenderà parte  anche il sindaco Filippo Mario Stirati e che verrà condotto dai giornalisti  Massimo Boccucci e Gianluca Sannipoli, verranno proiettati spezzoni di numerose e famose pellicole, una di queste girata anche a Gubbio.  Laurenti, 87 anni,  ha iniziato la sua lunghissima carriera come aiuto regista in film che appartengono alla storia del cinema italiano: “Totò nella luna”, “I tartassati”, “Letto a tre piazze” , pellicole con mostri sacri come Totò, Aldo Fabrizi, Louis De Funes, Walter Chiari, Carlo D’Apporto, Sylva Koscina, Ugo Tognazzi, Luciano Salce.  Subito dopo, dalla fine degli anni Sessanta, è iniziata la sua carriera come regista e anche qui i nomi sono tutti di primissimo piano del cinema e dello spettacolo nazionali: Raimondo Vianello, Franco Franchi, Ciccio Ingrassia, Raffaella Carrà, Patti Pravo, Gigi Reder, Mario Carotenuto, Edwige Fenech, Giancarlo Giannini, Adolfo Celi, Oreste Lionello, Lino Banfi, Gloria Guida, Ninetto Davoli, Mario Brega, la Sora Lella Fabrizi, Alvaro Vitali, Franco Califano, Teo Teocoli, Anna Maria Rizzoli, Nadia Cassini e tanti, tanti altri. Fino ad arrivare agli ultimi film lavorati con Nino D’Angelo e Laura Chiatti. Molti di questi nomi devono proprio a Mariano Laurenti il loro successo. Insomma un grande del cinema italiano, sebbene di pellicole definite “B movie” ma che hanno portato milioni e milioni di italiani davanti al grande schermo nell’Italia del boom economico, facendo la felicità di numerosi produttori, con incassi sostanziosi per l’epoca.