CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio in rottura prolungata: il Parma passeggia al Barbetti (4-1)

Calcio Alta Umbria Sport

Gubbio in rottura prolungata: il Parma passeggia al Barbetti (4-1)

Redazione sportiva
Condividi

Leonardo Candellone

Gubbio-Parma 1-4

GUBBIO (4-3-1-2): Volpe; Marini, Piccinni, Rinaldi, Petti; Valagussa (32’st Ferri Marini), Romano, Croce; Casiraghi; Ferretti, Candellone. A disp.: Zandrini, Stefanelli, Marghi, Conti, Bergamini, Costantino, Kalombo, Tavernelli. All:Magi.
PARMA (4-3-3): Bassi; Iacoponi, Di Cesare, Lucarelli (44’st Saporetti), Scaglia; Giorgino (9′ pt Corapi), Scozzarella, Scavone; Nocciolini (34’st Nunzella), Calaiò, Baraye. A disp:: Fall, Fallou, Mazzocchi, Sinigaglia, Ricci, Coly, Simonetti, Messina, Edera. All. D’Aversa.
Arbitro: Niccolò Pagliardini di Arezzo.
Marcatori: 18′ pt Calaiò (P), 25′ pt Nocciolini (P), 44′ pt aut. Piccinni (P), 23’st Ferretti (G), 39’st Iacoponi (P).
Note: Ammoniti: Scaglia (P), Romano (G), Ferretti (G).

GUBBIO – La giornata rossoblù è amarissima per il Gubbio che sprofonda di nuovo, stavolta al Barbetti, al cospetto del Parma di Roberto D’Aversa, che si impone 4-1. Ancora una volta, la formazione di Magi non riesce ad entrare mai in partita e dopo il primo tempo il match è già in ghiaccio.

La cronaca. Parte bene la formazione di Magi, con due occasioni nei primi 8′: prima  Ferretti ci prova da fuori area, ma il suo destro è bloccato senza problemi da Bassi, ben piazzato sul primo palo; poi il piattone di Romano da fuori sfiora il palo alla sinistra di Bassi. Poi però il Gubbio del primo tempo finisce qui. L’occasione di Nocciolini al 16′, che salta due uomini e poi manda a lato è il preludio alle tre reti che arrivano in sequenza.

Minuto 18: Scaglia apre per Baraye sulla sinistra, il senegalese  Calaiò e lo serve, l’ex rossoverde salta il portiere e deposita in rete. Passano sette minuti ed ecco il bis: cross si Scaglia, spizzata di Calaiò, arriva Nocciolini come un treno che di testa non sbaglia. Partita in cassaforte e chiave buttata del tutto al 44′, quando Piccinni devia nella propria porta un tiro al volo di Scaglia. Poco prima il Gubbio aveva centrato una traversa con Piccini e sulla ribattuta Casiraghi veniva stato anticipato da Bassi

Nella ripresa Magi prova a scuotere i suoi e in parte ci riesce, visto che il Gubbio accorcia al 24′:  Romano salta Di Cesare e serve Ferretti centralmente che entra in area e trafigge Bassi con la difesa del Parma colpevolmente distratta. La rete però non riapre il match perchè i rossoblù non riescono a trovare altri spunti, mentre a 5′ dalla fine ecco il poker parmense:  angolo di Scaglia dalla sinistra, Iacoponi  si libera di un difensore e al volo di destro chiude il conto.

Magi: “Problema mentale, liberiamoci dalle paure”. Nel dopogara, il tecnico Magi ai microfoni di RGM non si nasconde: “Credo che i tre gol del primo tempo siano l’emblema di un aspetto mentale dove è subentrata la paura – commenta il coach pesarese – e sono certo che non sia assolutamente per una motivazione fisica che abbiamo perso male queste due partite. Questa squadra da inizio campionato non ha un grande equilibrio, in questo momento siamo psicologicamente instabili e contro realtà più grandi di noi come il Parma facciamo fatica. E’ sicuramente un momento negativo per noi, lo dimostrano i dieci gol subiti nelle ultime due partite, dobbiamo ritrovare quell’incoscienza e quella voglia di giocare senza assilli a calcio come abbiamo fatto fino a poche settimane fa. Dobbiamo ribellarci a questo momento no ma se ne può uscire solo a piccoli passi e con il lavoro quotidiano. La squadra ora ha bisogno di trovare una motivazione importante che è quella di difendere un posto playoff: ora bisogna superare queste difficoltà, essere al contempo realisti e comprendere che ci sono sia momenti positivi che negativi come quello che stiamo attraversando ora”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere