CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gubbio da batticuore: il rigore nel recupero vale i tre punti a Legnago

Calcio Sport

Gubbio da batticuore: il rigore nel recupero vale i tre punti a Legnago

Redazione sportiva
Condividi

LEGNAGO SALUS 4-3-1-2): Pavoni; Zanioli, Bondioli, Stefanelli, Ricciardi; Antonelli (24′ st Lovisa), Bulevardi, Lazarevic (6′ st Rolfini); Giacobbe (40′ st Girgi); Buric (24′ st Morselli), Grandolfo (40′ st Chakir). A disp.: Pizzignacco, Corvi, Mazzali, Perna, Ruggero, Zanetti, Laurenti. All.: Bagatti.
GUBBIO (4-3-1-2): Zamarion; Formiconi, Signorini, Ferrini, Ingrosso; Hamlili, Megelaitis, Malaccari (23′ st Oukhadda); Pasquato (37′ st Sainz Maza); Gomez, Fedato (23′ st Pellegrini). A disp.: Savelloni, Cinaglia, Migliorelli, Munoz, Uggè, Serena, Sdaigui, De Silvestro. All.: Torrente (squalificato, in panchina Boisfer).
Arbitro: Cudini di Fermo (assistenti: Maiorino-Galimberti IV uomo: Frosi).
Marcatori: 3′ pt Bulevardi (L), 8′ pt Gomez (G), 49′ st rig Pellegrini (G)
Note: gara a porte chiuse. Ammoniti: Stefanelli (L), Signorini (G), Antonelli (L), Gomez (G), Bondioli (L). Calci d’angolo: 3-3. Recupero: 0′ pt; 5′ st.

GUBBIO- Colpo grosso del Gubbio al Sandrini di Legnago: il Gubbio si impone 2-1 in rimonta sulla Salus grazie ad un rigore all’ultimo secondo. Segna subito la formazione di Bagatti, con un eurogol di Bulevardi: primo tentativo stoppato da Megelaitis, lo stesso Bulevardi però trova un tiro a girare di destro dal limite che si impenna e la palla a palombella si insacca sotto il sette. Reazione immediata e pareggio già 5′ dopo con Juanito Gomez al rientro dalla squalifica e neopapà:  Pasquato in mezzo per Formiconi, cross a sentro area, Malaccari raccoglie lo spiovente e fa velo di testa per Gomez che a sua volta di testa fa centro: Pavoni la tocca quel tanto che basta per mettersi fuori causa. Subito Lupi vicini al raddoppio: Fedato da fuori area  costringe Pavoni in tuffo a salvarsi in calcio d’angolo. Al 18′ il Gubbio prova il bis sempre con Gomez di testa, ma stavolta l’argentino da posizione molto favorevole salta bene ma incorna alto e la palla va sopra la traversa.

Legnago vicino al gol al 32′: corner di Bulevardi, Giacobbe al volo batte Zamarion ma Bondioli era sulla traiettoria e vanifica il tiro del compagno. Al 42′ Hamlili dal limite per Pasquato cerca la giocata della domenica: alza la palla dal sinistro al destro e prova la rovesciata diretta in porta: palla che però non inquadra lo specchio della porta.

Secondo tempo. Poco o nulla fino al 20′ quando Pasquato va giù: contrasto con Bondioli, l’arbitro lascia correre. Poi Megelaitis raccoglie palla a centrocampo e serve Gomez che con una girata da 30 metri salta il portiere ma manda alto. Al 43′ l’ex Lovisa serve Chakir che calcia prontamente di sinistro al volo, la palla si stampa sul palo interno radente a portiere battuto e torna in campo. Poi nel recupero il rigore decisivo: Pellegrini cade in area dopo un contatto con Ricciardi, è lo stesso giocatore a trasformare il penalty che vale i tre punti.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere