CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Grifo, fuochi d’artificio senza fine: messo ko il Pescara di Zeman (4-2)

Calcio Perugia Sport Extra EVIDENZA2 Città

Grifo, fuochi d’artificio senza fine: messo ko il Pescara di Zeman (4-2)

Alessandro Minestrini
Condividi

La gioia di Di Carmine dopo un gol (foto Roberto Settonce)

PERUGIA (4-3-1-2): Rosati, Zanon (75′ Del Prete), Monaco, Di Carmine, Volta, Colombatto, Han (64′ Falco), Belmonte, Bianco (80′ Emmanuello), Bandinelli, Terrani. A disp.: Santopadre, Nocchi, Pajac, Casale, Choe, Mustacchio, Buonaiuto, Dossena, Del Prete. All. Ciampelli

PESCARA (4-3-3): Pigliacelli, Benali, Zampano, Coda, Brugman, Pettinari, Perrotta, Mazzotta, Proeitti, Coulibaly (63′ Valzania), Baez (63′ Ganz). A disp.: Fiorillo, Crescenzi, Balzano, Kanoute, Fprnasier, Palazzi, Carraro, Cappelluzzo. All. Zeman

ARBITRO: Aureliano della sezione di Bologna (Citro-Muto)

RETI: 23′ Di Carmine, 39′ Han, 53′ Brugman, 59′ Monaco, 62′ (rig) Benali, 67′ Di Carmine

NOTE: 11.043 spettatori. Ammonito Zanon, Baez, Koulibaly, Volta, Coda, Monaco. Recupero: 1′ pt, 4′ st

Han dopo il gol al Pescara (foto Roberto Settonce)

Han dopo il gol al Pescara (foto Roberto Settonce)

PERUGIA – Un due su due che porta con sé il dolce sapore del bottino pieno. Dopo il 5-1 di sabato scorso sul campo dell’Entella, il Perugia non delude le aspettative e incanta il proprio pubblico con un netto 4-2 inflitto al Pescara allenato da Zdenek Zeman. Come era prevedibile, è stata una partita spettacolare e il risultato finale non può che confermare ciò. Man of the match non può che essere Samuel Di Carmine, autore di una straordinaria doppietta. Gli uomin idi Federico Giunti conquistano così altri 3, pesantissimi punti che li confermano con prepotenza in vetta al campionato di serie B in coabitazione con Frosinone, Carpi e Parma.

Primo tempo Sulla panchina del Perugia ultima presenza per Davide Ciampelli, alla prossima tornerà mister Giunti. Gioco veloce e ritmi altissimi contraddistinguono una buona parte della prima frazione di gioco. I primi palpiti arrivano dopo un’occasione di Han. Di Carmine serve il nordcoreano che prova ad accentrarsi per superare Pigliacelli. Il suo destro a giro termina fuori di pochissimo. Pescara pericoloso con Baez all’11’. Monaco salva in calcio d’angolo. Al 14′ Di Carmine tenta per due volte il blitz, ma i suoi assalti vengono neutralizzati da Perrotta. Al 16′ Baez – su assist di Mazzotta – torna a incutere terrore davanti alla porta difesa da Rosati. Fortunatamente quello che doveva essere il tocco decisivo fallisce clamorosamente. Il risultato si sblocca in favore dei padroni di casa al 23′. Volta offre una sponda di testa per Di Carmine, l’attaccante biancorosso incorna e Pigliacelli sventa. Sulla ribattuta il bomber è lì a due passi e l’estremo difensore degli abruzzesi questa volta non può far nulla. Al 34′ calcio di punizione in favore del Perugia battuto da Belmonte. Il potente destro del terzino dei grifoni finisce a lato della porta avversaria di un soffio. Al 36′ i vigili del fuoco sono costretti a intervenire per rimuovere dall’area di rigore del Grifo un fumogeno lanciato dalla Nord. Il raddoppio degli umbri arriva al 39′ con Han. Bianco si tuffa per spedire in rete una spennellata di Terrani. La sfera si scaglia, però, contro la traversa. L’attaccante asiatico monta in sella e con una bicicletta firma il 2-0 per la squadra di casa. Si gioca fino al 46′, poi il direttore di gara manda le squadre al riposo.

Terrani nel match contro il Pescara (foto Roberto Settonce)

Terrani nel match contro il Pescara (foto Roberto Settonce)

Secondo tempo I due tecnici non attuano cambi al ritorno dagli spogliatoi. Al 2′ Bandinelli ci prova da lontanissimo e il pallone viene deviato dalla difesa abruzzese. Una leggerezza del centrocampista dei perugini (8′), fa accorciare le distanze ai delfini con un missile di Brugman dalla distanza. Al 12′ Perrotta intercetta lo spiovente prodotto da una punizione, ma la sfera sorvola la traversa. Al 14′ il Monaco firma il 3-1 del Perugia. Punizione calciata da Colombatto. Il primo a incornare è Belmonte, Pigliecelli respinge. Il centrale dei biancorossi va di mancino e la palla va in rete. Neanche il tempo di festeggiare che l’arbitro concede un rigore per i biancazzurri dopo un fallo di Belmonte su Benali. Il libico dal dischetto non sbaglia e riapre il match. Al 19′ Han abbandona il terreno di gioco a causa di un dolore alla gamba. Fa così il suo debutto al Curi Filippo Falco. Doppio cambio per il boemo: esce Koulibaly entra Valzania, fuori Baez al suo posto Ganz. Quando scocca il 22′ il Perugia, grazie a Di Carmine, riporta a due le lunghezze di vantaggio. Lancio lungo perfetto partito dai piedi di Colombatto. Il numero 10 casalingo va di piatto e trafigge il portiere ospite. Al 30′ Ciampelli richiama in panchina Zanon e fa il suo ritorno in campo Del Prete. Al 33′ tiro a giro di Terrani al limite dell’area. La sfera non va nella direzione sperata e si ricomincia con una rimessa dal fondo. Ultimo cambio al 35′ per i grifoni, con Emmanuello che prende il posto di Bianco. Al 40′ Del Prete ci prova da lontano. Il tiro non impegna minimamente Pigliacelli. Al 49′ il boato degli 11mila del Curi accompagna il triplice fischio del direttore di gara.

Le parole di Ciampelli “Questa squadra vuole il possesso palla e qualità in tutta la manovra – così il viceallenatore del Perugia a caldo dopo la vittoria sul Pescara -, la B ci insegna che ci sono gare che giocano diversamente dal Pescara e con loro dovremmo essere bravi a mantenere saldo il nostro progetto tecnico”. Ciampelli ha anche fornito un suo commento sulla rosa a disposizione: “I giocatori rimasti sanno di fare parte di una squadra importante. In tanti sono rimasti qui perché sanno quanto valgono a Perugia. Siamo consapevoli di avere un gruppo maturo e unito. Questa sarà la nostra arma fondamentale”. Infine, una battuta sulla sua seconda esperienza sulla panchina biancorossa: “Federico è bene che torni in panchina (dice ridendo, nda), dispiace che non ci sia lui in persona a parlare ora con voi. Ha finito la penitenza e contro il Cittadella ci sarà lui in panchina”.

Zeman dixit “Il primo tempo siamo stati ordinati – ha detto il tecnico del Pescara nel post gara -, siamo andati sotto di due gol ma siamo rimasti lucidi e non abbiamo sofferto. Nel secondo tempo siamo stati troppo confusionari, ci siamo sbilanciati troppo e abbiamo preso contropiedi clamorosi”.

Il senatore Razzi al Curi

Il senatore Razzi al Curi

Presente il senatore Razzi Lo aveva annunciato e alla fine lo ha fatto per davvero. Il senatore di Forza Italia, Antonio Razzi, questa sera era presente a Pian di Massiano per vedere da vicino le prodezze del suo ‘pupillo’ Han. Un derby personale per il pittoresco parlamentare forzista, nativo proprio della provincia di Pescara. Nel pomeriggio di domenica, Razzi si è recato anche al lago Trasimeno per esporre la sua ricetta per il rilancio del turismo nell’intera area lacustre.

Risultati seconda giornata: Brescia-Palermo 0-0 (giocata sabato), Empoli-Bari 3-2, Novara-Parma 0-1, Foggia-Entella 1-1, Ascoli-Pro Vercelli 1-0, Frosinone-Cittadella 2-1, Spezia-Carpi 0-1, Cremonese-Avellino 3-1, Cesena-Venezia 0-0, Perugia-Pescara 4-2, Salernitana-Ternana (lunedì alle 20.30)

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere