CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Grifo, finalmente arrivano i 3 punti: Nicastro decide il match contro la Spal

Calcio Sport Extra EVIDENZA2

Grifo, finalmente arrivano i 3 punti: Nicastro decide il match contro la Spal

Alessandro Minestrini
Condividi

Nicastro festeggia dopo il gol della vittoria (foto Settonce)

Perugia-Spal 1-0

Perugia (3-5-2): Rosati, Monaco, Bianchi, Di Carmine (1′ st Nicastro), Dezi (26′ st Acampora), Volta, Zebli, Belmonte (1′ st Buonaiuto), Del Prete, Di Chiara, Brighi. A disp.: Elezaj, Imparato, Ricci, Zapata, Chiosa, Alhassan. All. Bucchi

Spal (3-5-2): Branduani, Gasparetto (41′ st Cerri), Arini, Cremonesi, Antenucci, Finotto (30′ st Zigoni), Castagnetti, Vicari, Del Grosso, Schiattarella (35′ st Mora), Lazzari. A disp.: Marchegiani, Giani, Spighi, Grassi, Beghetto, Bonifazi. All. Semplici

Arbitro: Ivano Pezzuto della sezione di Lecce (Grossi della sezione di Frosinone – Formato della sezione di Benevento)

Reti: 38′ st Nicastro

Note: 8.548 spettatori. Ammonito Vicari (S)

Mister Bucchi durante il match (foto Settonce)

Mister Bucchi durante il match (foto Settonce)

PERUGIA – Tre punti d’oro, tre punti preziosissimi. Ecco arrivare alla sesta giornata di campionato la prima vittoria stagionale per il Perugia. Le parole del presidente Santopadre e di mister Bucchi hanno avuto l’effetto sperato; il Grifo, oltre a esser bello (contro la Spal non tanto), questa sera ha dimostrato anche di essere vincente. La paura è stata messa alle spalle; la fame di vittoria, lacocciutaggine e l’orgoglio sono stati fondamentali questa sera. Dopo un primo tempo privo di emozioni, il Perugia ha cambiato completamente atteggiamento nel secondo tempo, fino ad agguantare il successo all’84’ grazie a Nicastro.

Il grifone Brighi e l'estense Del Grosso (foto Settonce)

Il grifone Brighi e l’estense Del Grosso (foto Settonce)

Cronaca La prima opportunità per i padroni di casa arriva all’8′. Del Prete batte dalla bandierina, Volta incorna, ma  nessuno riesce ad arrivare sulla sfera che termina sul fondo. Sugli sviluppi di una punizione, dopo un quarto d’oro di gioco, Dezi colpisce da fuori area. La palla viene deviata dalla mischia creatasi nell’area avversaria ed è facile preda per l’estremo difensore estense. Al 20′ Di Carmine serve bene Bianchi in area, ma Lazzari devia in angolo. Al 23′ traversone di Di Carmine, nessuna paura per Branduani. Gli dei del calcio dicono ancora una volta “no” al Perugia al 27′; Bianchi prova la conclusione in rete, ancora una volta il tiro viene deviato in calcio d’angolo che si conclude in un nulla di fatto. Al 37′ cross di Castagnetti per Finotto che riesce a mettere la palla in rete. Il gol però viene annullato per posizione irregolare. Ancora un’occasione per Spal al 43′, con la conclusione al volo di Antenucci che termina di un soffio a lato del palo sinistro. Dopo 1′ di recupero, l’arbitro manda tutti al riposo dopo un primo tempo avido di emozioni biancorosse.

Il grifone Dezi (foto Settonce)

Il grifone Dezi (foto Settonce)

Al ritorno in campo Bucchi cambia Nicastro per Buonaiuto e Di Carmine per Belmonte; si torna al 4-3-3. Al 55′ l’allenatore biancoazzurro Semplici viene espulso per proteste. Il Perugia sembra aver cambiato pelle rispetto ai 45′ precedenti. C’è più cattiveria tra i grifoni. Tiro rasoterra di Brighi al 60′, Branduani c’è. Quando mancano 15′ alla fine della partita, grande occasione per il Grifo; Di Chiara entra in area, palla buona per Nicastro, nulla di fatto. Ci prova Bianchi che fallisce nell’intento. All’84’ gran cross di Del Prete, Nicastro si coordina benissimo ed è gol per il Perugia. Tre i minuti di recupero. Al 91′ Rosati fa suo al limite dell’area un pallone velenoso. L’arbitro fischia la fine dell’incontro: può iniziare la festa.

Il ricordo di Osvaldo Prima dell’inizio della partita, un gruppo di tifosi ha portato dei fiori sul posto in cui ha perso la vita Osvaldo Neri, il tifoso del Grifo morto durante il derby contro la Ternana. Osvaldo è stato ricordato anche durante la partita da un lungo applauso da parte di tutto il “Curi”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere