CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Grifo, domani in campo contro il Novara. Bucchi: “Dobbiamo imparare a vincere”

Calcio Perugia Sport Extra Città

Grifo, domani in campo contro il Novara. Bucchi: “Dobbiamo imparare a vincere”

Redazione sportiva
Condividi

Cristian Bucchi (foto Settonce)

PERUGIA – “Dobbiamo imparare a vincere”, questa la frase chiave pronunciata da Cristian Bucchi nella conferenza stampa prima del match contro il Novara. Un ordine solo: portare a casa i tre punti e regalare una prestazione totalmente diversa delle ultime due. “Ieri in allenamento si è fermato Chiosa per distorsione alla caviglia – ha esordito il tecnico -, sono in recupero ma hanno bisogno di tempo sia Zapata sia Da Silva. Zebli non ci sarà, vediamo in settimana, ma difficilmente lo avremo per Genova. Forse potremmo recuperarlo per Verona. Gli altri sono tutti a disposizione. Ho ancora qualche dubbio, chi ha giocato fino ad ora ha fatto bene, chi aveva giocato fino a qualche gara aveva fatto bene mi è piaciuto come abbiamo interpretato la gara di Ascoli con le novità proposte. Ora valuteremo in base a come si disporrà il Novara. Quando sono arrivato questa estate, l’obiettivo era che la squadra sapesse applicare i concetti più dei moduli. Abbiamo fatto un po’ di fatica all’inizio, quando dovevamo trovare la nostra identità ed ecco perché ho insistito sul 4-3-3. Poi la squadra è stata pronta ed abbiamo provato qualcosa di nuovo. Possiamo insistere ancora su questo modulo, ma ora possiamo anche trovare qualcosa di imprevedibile. Nel nostro percorso, non dobbiamo mai dimenticare che ci sono tanti giovani e tanti alla prima esperienza. Non basta voler vincere, dobbiamo imparare a vincere”.

L’avversaria “Ho visto le ultime gare: è una squadra che ha cercato la sua identità. Ora ha trovato un 3-5-2 molto solido e quadrato. A Verona ha trovato la giornata perfetta, approfittando degli errori degli avversari. Ha giocatori molto importanti davanti, ha centrocampisti di qualità. Si tratta di una squadra solida e quadrata, capace di toglierci spazi e la possibilità di giocare. Dovremmo avere calma ed essere intelligenti e non farci prendere dalla voglia di strafare. Domani mi aspetto di vedere un pubblico straordinario: questi ragazzi hanno dimostrato l’orgoglio e l’attaccamento alla maglia. Mi aspetto che domani, se ci dovessero essere momenti di difficoltà, i nostri tifosi possano fare la differenza ed in un partita difficile serve. Domani è una partita difficile che ne procede due terribili: Genova non mi spaventa, è l’occasione per metterci in mostra e dimostrare che possiamo giocarcela contro una squadra che ha più qualità di noi. E poi ci concentreremo su Verona. Noi dobbiamo ragionare sul quotidiano. Dico sempre ai ragazzi che il nostro futuro era ieri. Pensiamo a domani, poi prepareremo la Coppa Italia e poi penseremo a Verona”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere