CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Grande generosità in Ast, operaio deve assistere il figlio malato: i colleghi gli donano ferie e permessi

EVIDENZA Cronaca e Attualità Terni Extra

Grande generosità in Ast, operaio deve assistere il figlio malato: i colleghi gli donano ferie e permessi

Redazione
Condividi

L'ingresso di Ast
TERNI – Grande cuore e generosità in Ast. Le organizzazioni sindacali hanno trovato l’accordo per far scattare il meccanismo delle ferie e par solidali, ossia la donazione dei permessi annui retribuiti rispetto a quanto previsto dal vigente contratto nazionale dei metalmeccanici. Accordo richiesto unitariamente da tutte le organizzazioni sindacali a fronte della certificazione di un grave caso di salute riguardante un figlio minorenne di un collega di lavoro Ast.

 

Accordo “L’accordo – si legge in una nota dei sindacati – è stato stipulato in via eccezionale per rispondere alle esigenze di permessi e coperture al lavoro al fine di permettere al collega di lavoro di poter assistere con continuità alle necessità che riguardano il caso in quanto ad oggi lo stesso lavoratore ha esaurito tutti gli strumenti a sua disposizione che la legge ed il contratto prevedono”.

Ferie Entro il 31 dicembre ogni lavoratore potrà, volontariamente, donare o cedere ore di Par o ferie a favore del collega, attraverso un apposito modulo. Lo stesso modulo, per chi deciderà di fare la solidarietà attraverso le ore dovrà essere riconsegnato all’ufficio amministrazione e paghe entro il 31 di dicembre 2019 personalmente o tramite delegati. Il tavolo ha convenuto inoltre di rincontrarsi entro il 31 di gennaio 2020, escluso questo caso eccezionale, per verificare se ci sono le condizioni per rendere strutturato lo strumento della banca ore ferie o par solidali per rispondere alle esigenze di colleghi in seria difficoltà.

Sindacati “Come organizzazioni sindacali – si legge in una nota – riteniamo tale iniziativa importante e lodevole certi che, a fronte di casi eccezionali come questi, i lavoratori di Ast non faranno venir meno il proprio contributo ed attenzione nel solco della storia e dei valori solidali del movimento dei lavoratori stessi. Come organizzazioni sindacali siamo rimasti stupiti e delusi dal fatto che Acciai Speciali Terni, molto sensibile negli annunci alle questioni del sociale e del welfare, non abbia voluto contribuire in nessun modo e nessuna misura in modo attivo a questa nobile iniziativa”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere