CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Giunta regionale, siamo al conto alla rovescia: Tesei vuole chiudere sabato

EVIDENZA Perugia Terni Extra

Giunta regionale, siamo al conto alla rovescia: Tesei vuole chiudere sabato

Pinocchio
Condividi

La presidente Tesei

PERUGIA – “Salvini non sarebbe d’accordo con me?” e nel rimbalzare l’interrogativo all’interlocutore la presidente della Regione Donatella Tesei mostra un sorriso che fa capire come il leader della Lega voglia sostanzialmente tenere buono una porzione del suo partito ma senza assolutamente accontentare quella che sia in pubblico che in privato definisce “la magica Donatella”. Morale della favola? Sulla composizione della Giunta la presidente corre e punta a chiudere la pratica già nella giornata di sabato.

Spaccatura La spaccatura all’interno della Lega resta perché da una parte c’è il duo Caparvi-Marchetti che vorrebbe tre rappresentanti (dentro Paola Fioroni) a differenza dell’altro tandem leghista formato dai parlamentari Briziarelli-Candiani con quest’ultimo che nelle ultime ore avrebbe parlato direttamente con il leader per appoggiare il quadro più gradito alla presidente. Possibili aggiustamenti diplomatici? Possibili ma molto difficilmente sulla giunta regionale anche perché per come si sono messe le cose la presidente non è intenzionata ad uscire da un braccio di ferro che lei ripete di non aver mai voluto o cercato. E allora, se il quadro non viene stravolto nelle prossime ore la formazione che taglierà il traguardo sarà quella formata da Luca Coletto, Daniele Carissimi (nonostante le pressioni trasversali per sostituirlo con Enrico Melasecche) Roberto Morroni per Foza Italia e Paola Agabiti a rappresentare la lista civica della presidente. Dentro anche l’assessore comunale di Perugia, Michele Fioroni in quota Fratelli d’Italia? Per Tesei lui ci dovrebbe essere anche se all’interno dei Fratelli d’Italia della nostra regione in diversi preferiscono la soluzione del capogruppo al Comune di Assisi Moreno Fortini. Su questo punto c’è da capire quanto il presidente del partito Giorgia Meloni voglia insistere oppure no.

Dimissioni Sul tavolo resta il nodo delle dimissioni dei consiglieri che entrano in Giunta: con Morroni nell’esecutivo se non ci fossero le dimissioni Forza Italia perderebbe la sua rappresentanza in consiglio regionale mentre la Lega non potrebbe far entrare all’interno dell’Assemblea altri suoi uomini. Testi, anche per una questione di limitazione dei costi, è propensa a non chiedere le dimissioni di coloro che entrano in Giunta. Anche qui si deve scegliere che stava intraprendere se quella degli assessori scelti tra gli eletti oppure no. Forza Italia in questo secondo caso è pronta a mettere sul tavolo il nome del sindaco di Amelia Laura Pernazza. Conto alla rovescia.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere