CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Giornate Fai di primavera, tanti i ‘tesori’ dell’Umbria che si possono scoprire

EVIDENZA Perugia Terni Cultura e Spettacolo Extra

Giornate Fai di primavera, tanti i ‘tesori’ dell’Umbria che si possono scoprire

Redazione cultura
Condividi

La Rocca d'Aries di Montone

PERUGIA – L’Umbria mette in mostra i suoi ‘tesori’. Da Perugia a Terni sono decine i luoghi della cultura aperti in alcuni casi eccezionalmente al pubblico sabato e domenica per la 26esima edizione delle Giornate Fai di Primavera: palazzi della politica solitamente inaccessibili, aree archeologiche, borghi che custodiscono antiche tradizioni, colonie marine abbandonate, luoghi dello sport e della produzione, chiese e monumenti che svelano spazi sorprendenti schiuderanno le loro porte ai visitatori.

Iscritti Le Giornate sono aperte a tutti ma un trattamento di favore viene riservato agli iscritti Fai, e a chi si iscrive durante l’evento, a chi sostiene la Fondazione con partecipazione e concretezza, a loro saranno dedicate visite esclusive, corsie preferenziali ed eventi speciali. A Terni ad esempio si potrà visitare il palazzo della Prefettura mentre a Perugia Palazzo Donini, sede della giunta regionale.

L’ELENCO DEI LUOGHI IN PROVINCIA DI PERUGIA
L’ELENCO DEI LUOGHI IN PROVINCIA DI TERNI

Biglietto Per l’ingresso ai luoghi aperti non viene emesso un biglietto, ma i volontari Fai presenti nei banchi ben riconoscibili presso il bene aperto chiederanno un’offerta libera per la visita, in cambio della quale verrà consegnata una spilla con il logo del Fai. “Le Giornate – spiega il Fai – sono infatti un importante momento di raccolta fondi per la Fondazione, che si impegna da statuto a impiegarli per il conseguimento della sua missione di tutela del patrimonio d’arte e natura italiano.

Volontari La prenotazione telefonica è richiesta solo in pochissimi casi, segnalati sull’elenco dei beni aperti al pubblico. I visitatori saranno accompagnati dai volontari del Fai e, dove previsto, dagli ‘apprendisti Ciceroni’, i ragazzi della scuole che aderiscono al progetto promosso dal Settore scuola ed educazione del Fai”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo