CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Gesenu, cambio della guardia: Cerroni e La Diega vendono le loro quote agli umbri del Gruppo Paoletti

Politica

Gesenu, cambio della guardia: Cerroni e La Diega vendono le loro quote agli umbri del Gruppo Paoletti

Pierpaolo Burattini
Condividi

PERUGIA – Gesenu, si cambia. Umberto Cerroni e Carlo Noto La Diega, che insieme detenevano il 55 per cento della società, hanno ceduto le loro quote a un’azienda umbra, la Socesfin srl, società del Gruppo Paoletti. A confermare il passaggio di quote è il Comune che “ha avviato con il nuovo socio – scrivi in una nota Palazzo dei Priori – un’interlocuzione in merito ad alcuni elementi essenziali: attuazione del piano industriale, mantenimento dei livelli occupazionali, qualità del servizio di raccolta e trattamento rifiuti, rapporto tra socio pubblico e socio privato, superamento delle criticità indicate nell’interdittiva. Il Comune continuerà a seguire l’evolversi della vicenda d’intesa con gli altri livelli istituzionali e confrontandosi con le parti sociali”.  La vendita delle azioni da parte di Cerroni potrebbe rappresentare uno dei presupposti per il venir meno dell’interdittiva prefettizia antimafia e del commissariamento, rinnovato nei giorni scorsi per altri sei mesi. Oggi, intanto, si è svolto lo sciopero nazionale degli addetti del settore. Alta l’adesione in Umbria, oltre il 90 per cento secondo quanto riferito dai sindacati. Lo sciopero era stato proclamato da Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Fiadel a sostegno della vertenza per il rinnovo del contratto collettivo di lavoro (scaduto da 28 mesi) per i dipendenti di imprese private e pubbliche di igiene ambientale. A Perugia e Terni, secondo quanto riferito dalle aziende, non sono stati registrati particolari disagi legati alla raccolta dei rifiuti.