CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Furti, droga e nomadi: operazione della Polizia a Terni

Cronaca e Attualità

Furti, droga e nomadi: operazione della Polizia a Terni

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Agenti della Polizia di Stato, durante il servizio di prevenzione e contrasto dei reati, hanno notificato, nelle ore scorse, i primi due allontanamenti con divieto di ritorno a due italiani, fermati dalla Squadra Volante nei pressi della stazione ferroviaria, appena scesi dal treno proveniente da Rieti.
Durante i controlli per contrastare il pendolarismo criminale, i due – di 47 e 53 anni – alla vista degli agenti, hanno cercato di darsela a gambe, ma sono stati fermati ed identificati: gravati da numerosi precedenti penali, dopo aver accampato scuse per giustificare la loro presenza a Terni, hanno dichiarato di essere tossicodipendenti e di essere in città per comprare lo stupefacente.
La scorsa notte, invece, intorno alle 2, una pattuglia della Polizia di Stato è stata fermata in piazza della Repubblica da una ragazza che ha detto agli agenti di aver subito il furto della propria bicicletta, poco prima nella centralissima via Cavour. Subito dopo la stessa pattuglia della Volante è stata chiamata per un intervento in viale Campofregoso per musica ad alto volume proveniente da un locale. Gli agenti dopo aver identificato la barista, una cittadina dominicana poi denunciata per disturbo alla quiete pubblica, hanno notato due biciclette parcheggiate sulla strada, una delle quali corrispondente perfettamente a quella descritta poco prima dalla ragazza ed hanno aspettato fin quando due ragazzi non si sono avvicinati a riprenderle.
I due sono stati identificati: dominicani, uno di 24 anni residente a Ferentillo e l’altro di 30 residente a Roma, hanno dichiarato agli agenti di aver acquistato le due biciclette da un italiano per 20 euro ciascuna, nelle ore immediatamente precedenti.
Portati in questura, sono stati denunciati per ricettazione; la ragazza ha riavuto la sua bicicletta, mentre l’altra è stata sequestrata.
L’attività di prevenzione e controllo per contrastare il pendolarismo criminale è stato esteso in mattinata anche alla stazione ferroviaria di Narni Scalo, dove sono state fermate 5 ragazze nomadi di nazionalità rumena, appena arrivate in treno dai campi nomadi di Roma e di Aprila, tutte con precedenti penali, di cui una minorenne appena scarcerata per furto.
Sono state tutte portate in questura per accertamenti: due sono state denunciate per aver violato il recente divieto di ritorno nel Comune di Narni, mentre un’altra è stata allontanata dal territorio nazionale per cessate condizioni che ne determinano il soggiorno.

Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1