lunedì 14 Giugno 2021 - 02:43
30.7 C
Rome

Frecciarossa ad Orte, dall’estate due collegamenti al giorno. Tesei: “Opportunità per l’Umbria”

ORTE – Presentata nella mattina di giovedì la fermata del Frecciarossa ad Orte. Presenti oltre e Luigi Corradi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Trenitalia (Gruppo FS Italiane).  anche i due presidenti di Regione, Nicola Zingaretti e Donatella Tesei.

Le fermate. Saranno due i Frecciarossa che da questa estate collegheranno ogni giorno il comune del viterbese alle principali città italiane. La fermata del Frecciarossa a Orte rientra in un nuovo modello di Alta Velocità ferroviaria che, sottolinea Trenitalia, “risponde alle rinnovate esigenze di spostamento delle persone a seguito della pandemia. Una nuova sfida alla quale il Gruppo FS Italiane sta rispondendo modificando e allargando il perimetro su bacini che finora erano considerati secondari. Il modello di offerta delle Frecce prevede collegamenti non solo da e per i grandi centri, ma anche verso quelli medio-piccoli con la creazione di aree urbane più estese. Grazie alla sua posizione al confine con l’Umbria, Orte diventerà un perfetto catalizzatore della rete ferroviaria limitrofa, permettendo di intercettare flussi di viaggiatori da altre realtà come Terni, Orvieto e Spoleto. La nuova fermata dei treni Frecciarossa ad Orte consente di avvicinare ancora di più i cittadini umbri alle grandi città del Nord: una nuova opportunità, dedicata in primis alle città dell’area ternana – Spoleto, Terni e Orvieto – che dalla prossima estate saranno più vicine al network delle Frecce. Il nuovo punto di scambio di Orte rappresenta inoltre una nuova opzione di viaggio al mattino per l’area di Foligno. La nuova fermata del Frecciarossa a Orte va ad aggiungersi ai due Frecciarossa giornalieri della Perugia – Milano – Torino, che, grazie a una migliore connessione con treni regionali, serve anche i bacini di Foligno e Assisi”.

Si tratta in particolare del treno 9508 che, partendo dalla Capitale alle 6 di mattina, transiterà ad Orte tra le 6.41 e le 6.43, per poi raggiungere Torino Porta Nuova alle 11.03. Il treno di ritorno sarà invece il 9563 in partenza alle 19.10 da Milano Centrale. Transiterà ad Orte tra le 22.20 e le 22.22, per giungere al capolinea di Roma Termini alle 23.05.

Tesei. “La fermata di Orte del Frecciarossa è di straordinaria importanza per l’Umbria”: lo ha sottolineato la presidente della Regione Donatella Tesei “Questa coppia di treni consentono al territorio umbro, un bacino d’utenza importante, di circa 350 mila persone, di poter accedere all’alta velocità ferroviaria e quindi di arrivare a Milano e Torino” ha aggiunto.

“Detto questo – ha sottolineato ancora Tesei – per noi è un percorso che stiamo cercando di costruire da tempo con Trenitalia perché l’Umbria effettivamente ha sempre sofferto di mancanza di collegamenti adeguati e di accessi all’alta velocità. Per noi oggi è sicuramente un risultato importante che cercheremo comunque di implementare. Il risparmio di tempo notevole aiuta l’Umbria a uscire da un isolamento al quale per troppo tempo è stata purtroppo relegata”.
La presidente ha quindi evidenziato come sia “stata importante la conferma del Frecciarossa da Perugia e la fermata a Terontola”. “Stiamo comunque cercando di interloquire ancora con Trenitalia – ha proseguito – per migliorarci. Auspichiamo che ci sia la possibilità di un raddoppio per il Frecciarossa di Perugia specie nel periodo estivo quando il turismo è un elemento molto importante per l’Umbria”.

Zingaretti. “Oggi è una giornata storica per la nostra regione, per la provincia di Viterbo e per l’ Italia vista la collocazione strategica di Orte – ha sottolineato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti durante la presentazione del progetto- . In pochi mesi grazie a questa collaborazione siamo passati nel nostro territorio da 2 a 5 fermate dell’ Alta velocità. La mobilità post-Covid per questo territorio sarà migliore. Orte è un centro nevralgico di interscambio. Siamo impegnati sulla strada Orte-Civitavecchia che collegherà il più grande porto crocieristico del Mediterraneo con questa rete ferroviaria. A mio giudizio – ha aggiunto – nel rapporto con Umbria farà tantissimo per far diminuire il traffico su gomma verso la Capitale. E’ un atto concreto in linea con il modello di
sviluppo verso cui l’ Italia sta andando”.

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi