CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Fondazione Carit, soldi e bandi in rampa di lancio: pienone in sala

Economia ed Imprese Cronaca e Attualità Terni

Fondazione Carit, soldi e bandi in rampa di lancio: pienone in sala

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – L’affollata e attentissima platea era un ‘sogno’. Dal ‘gotha’ in giù della Terni istituzionale, associativa, sportiva, musicale, cooperativa, terzosettorista, solidaristica e non solo era presente in gran numero presso la sala della Fondazione Carit, dove i vertici della Fondazione stessa (il presidente Carlini, la vicepresidente Ciccarelli e il consulente Sordelli) hanno illustrato l’atteso programma dei bandi in vari settori, con l’ancora più attesa posta economica.

I diversi bandi Si tratta, di un bando generale che uscirà il primo febbraio e di un bando ad ‘hoc’ per gli eventi musicali che uscirà nella stessa data. Quindi, nell’arco dei prossimi mesi, usciranno 4 bandi settoriali.

Nel primo caso, con scadenza il 14 aprile, il bando unico generale durerà 15 mesi e riguarderà la ricerca scientifica-tecnologica per 100 mila euro, l’arte e attività e beni culturali per 130 mila euro, la salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa per 250 mila, l’educazione, istruzione e formazione per 150 mila e lo sviluppo locale per 200 mila euro. In tutto 830 mila euro. I soggetti ammissibili, pubblici e privati,  sono tutti quelli previsti dal Regolamento. Vale un solo progetto presentato per ciascun soggetto. Non vi sono tetti massimi o minimi di finanziamento, ma sono possibili finanziamenti parziali, e sono previste precise norme di rendicontazione.

I quattro bandi riguarderanno poi le dotazioni didattiche nelle scuole pubbliche nel settore Educazione, istruzione e formazione  (tra maggio e giugno); nel settore del volontariato, filantropia e beneficenza, un bando per il sostegno e la solidarietà a favore dei cittadini svantaggiati economicamente (tra marzo e aprile 2017); nel settore dello sviluppo locale, entro il 2017, un bando per il microcredito.

Infine, immediato e con scadenza il 3 marzo, il bando per gli eventi musicali nel settore Arte e cultura, a fronte di 160 mila euro stanziati. Quest’ultimo bando musicale prevede due fasce (A e B) a seconda di alcuni criteri definiti, l’ammissione al finanziamento di istituti superiori di Studi musicali, di organizzazioni senza scopo di lucro esistenti da almeno 3 anni e di partner privati profittevoli che però non avranno quattrini. Gli eventi musicali si dovranno concludere entro il 31 dicembre 2017 ed ammesso un solo progetto per ciascun presentatore.

Il tutto, ha detto il presidente Carlini, “nell’ambito dei nostri cinque settori fondamentali di intervento e secondo quanto stabilito nel nostro documento programmatico previsionale”.

Stanziamenti complessivi Infine, gli stanziamenti complessivi previsti per il 2017: 300 mila euro per la ricerca scientifica e tecnologica, 650 mila per l’arte e le attività e beni culturali, 250 mila per la medicina e salute pubblica, 701 mila per educazione, istruzione e formazione, 1.163.939 euro per il settore Volontariato, filantropia e beneficienza, 500 mila per lo sviluppo locale. Un totale di 3.564.939 euro.

 

 

 

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere