CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Fondazione Carit, il bilancio del 2017, oltre 4,8 milioni di per la crescita della comunità

Economia ed Imprese Perugia Terni Extra

Fondazione Carit, il bilancio del 2017, oltre 4,8 milioni di per la crescita della comunità

Redazione economia
Condividi

Nell’ormai tradizionale conferenza stampa di fine anno il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, Luigi Carlini, ha illustrato  i più importanti interventi deliberati nel 2017. “Anche quest’anno – dice –  sono stati raggiunti risultati più che lusinghieri, frutto di una oculata gestione delle risorse.Questi ottimi risultati hanno permesso al Consiglio di Amministrazione della Fondazione, assistito dal Collegio dei Revisori, di realizzare nel 2017 tutti gli obiettivi prefissati dal Comitato di Indirizzo nel Documento Programmatico Previsionale annuale”.

In questo esercizio sono stati destinati in favore della comunità oltre 4,8 milioni di Euro nei sei settori di intervento: ricerca Scientifica e tecnologica (376.900 euro), arte attività e beni culturali (899.175 euro, salute pubblica (401.260), educazione e Istruzione (847.852), volontariato filantropia e beneficenza (1.256.683), sviluppo locale (1.086.909).

In relazione a quanto previsto dall’articolo 11, comma 3, del Protocollo di intesa tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio SpA, sottoscritto a Roma il 22 aprile 2015, il bando costituisce la modalità operativa privilegiata per selezionare le erogazioni da deliberare.

Oltre al bando la Fondazione, come previsto dall’articolo 13 del Regolamento per l’attività istituzionale, interviene anche con iniziative proprie predisponendo progetti ed eventuali studi di fattibilità.

Nel corso dell’esercizio 2017 la Fondazione Carit ha deliberato 8 bandi: richieste generali di contributo, eventi musicali, welfare di comunità, laboratori nelle scuola, lettori madrelingua, sostegno attività annuale delle Associazioni senza fine di lucro ed Enti Ecclesiastici, scuole dell’infanzia 3-6 anni (in uscita entro il 31/12); palestre istituti superiori di secondo grado (in uscita a gennaio 2018).

Nel settore della ricerca scientifica, la Fondazione ha sostenuto un importante progetto dell’Università degli Studi di Perugia per l’area di crisi complessa ternana e, in qualità di Socio Fondatore, ha stanziato per la Fondazione Cellule Staminali il contributo annuale e un finanziamento straordinario per l’acquisto di una strumentazione necessaria per l’attività di ricerca.

Nel settore dell’arte e cultura,sono stati deliberati finanziamenti in favore di Enti locali e di Associazioni senza scopo di lucro per la realizzazione di manifestazioni di elevato spessore, tra cui: il Teatro Stabile dell’Umbria per la stagione teatrale a Terni e a Narni; l’Istess per il Festival Popoli e Religioni; l’Istituto Superiore di Studi musicali Briccialdi per saggi e concerti; l’Associazione Narnia Arts Academy per il Narnia Festival; l’Associazione Visioninmusica per la stagione musicale; l’Associazione Mozart Italia per la 7th International Masterclasses Narni e per il 7th International Festival “Luci alla Ribalta”; la Filarmonica Umbra per l’attività concertistica.

Tra le iniziative proprie, si segnalano poi:

  • la prosecuzione, in collaborazione con l’Associazione ASTRA, dell’attività di indagine e ricerca presso l’area archeologica di Carsulae su concessione ministeriale; grazie a questa campagna di scavo viene oggi presentato il video finanziato dalla Fondazione riguardante il rinvenimento di una domus romana con l’originale pavimento musivo;
  • la mostra a palazzo Montani Leoni Vedute d’Italia. Canaletto e Guardi, inaugurata a maggio 2017 in occasione dei 25 anni della nascita della Fondazione e conclusasi con grande partecipazione di pubblico lo scorso 5 novembre;
  • il concerto Rhapsody in Blu. Omaggio a Gershwin, in collaborazione con Narnia Arts Academy, presso l’Auditorium di San Domenico di Narni il 1° dicembre;
  • il concerto, in collaborazione con Visioninmusica, dal titolo Viva España con l’Ukrainian Radio Symphony Orchestra diretta da Vladimir Sheiko e lo straordinario violinista Stefan Milenkovich, tenutosi a Terni, nella chiesa di San Francesco lo scorso 9 dicembre;
  • l’evento, inaugurato il 14 dicembre, Natale a palazzo Montani Leoni. Taddeo Gaddi e Livio Agresti tra recupero e valorizzazione.

Tra i numerosi altri impegni assunti dalla Fondazione in questo settore rilevante, Carlini ricorda l’impegno profuso nel 2017 per la valorizzazione e la conservazione di importanti beni storici e artistici del territorio come:

  • Narni (TR), frazione di  Schifanoia, restauro dell’organo storico della chiesa parrocchiale sito presso il Museo diocesano di Terni del XVI-XVII secolo in cofinanziamento con la CEI;
  • Narni (TR), fraz. Itieli, chiesa di San Nicola di Bari, restauro e montaggio dell’altare ligneo policromo del XVII secolo;
  • Calvi dell’Umbria (TR), chiesa di San Francesco di Assisi, restauro del dipinto su tela raffigurante San Bernardo da Calvi, Calisto Calisti, XVII secolo;
  • Narni, Santuario di Santa Maria del Ponte, parete di fondo zona absidale, restauro dell’apparato decorativo in stucco di Michele Chiesa (1727-1728) e tempera su intonaco;
  • Narni, Cattedrale di San Giovenale, cella delle reliquie, restauro dei marmi policromi, dei dipinti murali e dei manufatti in legno intagliato e bronzo, XVII secolo;
  • Terni, chiesa di Santa Maria del Monumento, restauro dei dipinti murali del catino absidale e della nicchia della parete destra.

In questo esercizio, con le risorse disponibili nel settore dello sviluppo locale, sono stati inoltre stanziati, sempre come iniziativa propria, fondi per l’acquisto delle opere d’arte da primarie case d’asta europee per la Raccolta della Fondazione, patrimonio della comunità. La quadreria si è potuta così arricchire delle seguenti opere:

  • Francesco Guardi (Venezia 1712 – 1793), Piazza San Marco a Venezia, olio su tela, 26,5×5,5 cm;
  • Taddeo Gaddi (cerchia) (Firenze fine del Duecento, primi anni del secolo successivo- 1366), San Pietro, San Giovanni Evangelista, frammenti di pannelli di un trittico, tempera su tavola, cuspidata, 61×31,5 cm;
  • Jan Frans van Bloemen (attrib.) (1662-1749), La Cascata delle Marmore a Terni, olio su tela, 73,4×97,1 cm;
  • Agostino Bonalumi (Vimercate, 10 luglio 1935-Desio, 18 settembre 2013), Rosso, 2004, tela estroflessa e tempera vinilica, 100×95 cm.

Nel settore della sanità la Fondazione ha rivolto il proprio sostegno al potenziamento delle dotazioni sanitarie dell’Azienda Ospedaliera “S. Maria” di Terni, polo sanitario di riferimento per la nostra provincia, in un piano organico di costante aggiornamento tecnologico e di implementazione delle prestazioni diagnostiche e terapeutiche innovative a disposizione dei cittadini. In particolare ha finanziato l’acquisto di una nuova TAC, di un ecografo e di un’apparecchiatura per la diagnosi precoce e il monitoraggio del melanoma maligno per la Clinica Dermatologica.

Per quanto riguarda il settore dell’istruzione, in cui sono stati deliberati complessivamente Euro 847.852,00, gli impegni più significativi di questo settore sono stati deliberati attraverso i seguenti bandi:

  • 150.000 euro sono stati assegnati nell’ambito del bando “Richieste generali di contributo” in favore delle scuole del territorio e delle associazioni senza scopo di lucro prevalentemente per progetti laboratoriali, formativi, master class, ecc.;
  • 210.357,18 euro sono stati assegnati nell’ambito del bando per i Laboratori scolastici;
  • 123.408,60 euro sono stati assegnati per il bando Lettori Madrelingua riservato esclusivamente alle classi 3^,4^ e 5^ della scuola primaria e 1^,2^ e 3^ della scuola secondaria di primo grado;
  • 76.000 sono euro stati stanziati per il bando Infanzia 3-6 anni di prossima pubblicazione.

In favore dell’Università, Polo scientifico didattico di Terni, sono proseguiti nel 2017 gli interventi pluriennali già programmati:

  • 50.000 euro quale II tranche del contributo per 2 assegnisti di ricerca di durata triennale, a valere sugli esercizi 2016-2017-2018, per il Centro Studi giuridici sui diritti dei consumatori;
  • 102.000  euro quale II tranche del finanziamento per proroga biennale dei progetti di ricerca dal titolo “Le proprietà funzionali delle grandi arterie: aspetti fisiopatologici” e “Sistema di Imaging iperspettrale per tecniche avanzate di diagnostica non distruttiva sui materiali”.

Come iniziative proprie, in questo settore sono stati deliberati finanziamenti per l’assegnazione di premi agli studenti meritevoli e per l’acquisto di libri. Nel settore del Volontariato, assistenza e beneficenza, la Fondazione ha deliberato, come iniziative proprie e attraverso i bandi, complessivi Euro 1.256.683,00.

Sono stati pubblicati in questo settore due bandi:  209.871 euro per il finanziamento di 4 progetti approvati con il bando “Welfare di comunità” per sopperire a situazioni di emergenza alimentare, alloggiativa e finanziaria delle fasce di popolazione particolarmente colpite dalla crisi economica in atto; per azioni volte ad incentivare servizi di prossimità a sostegno degli anziani soli o delle famiglie che si fanno carico degli anziani; 94.292,11 euro  a sostegno dell’attività annuale delle associazioni senza fine di lucro ed enti ecclesiastici del territorio.

Carlini ricorda poi che nel 2016 la Fondazione aderì al “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile per il triennio 2016/2018”. Il fondo è nato da un accordo tra Fondazioni di origine bancaria italiane e Governo con l’obiettivo di creare una rete sociale che, a partire dalle organizzazioni del terzo settore e delle scuole, coinvolga anche le famiglie e l’intera comunità in azioni di sostegno alla crescita e all’apprendimento dei minori, soprattutto in contesti di maggiori difficoltà. Una quota delle risorse viene assegnata su scala regionale, al fine di garantire la diffusione della sperimentazione sull’intero territorio nazionale. A carico della nostra Fondazione nel 2017 è stato stanziato un importo di 685.252 euro di cui 513.939 saranno recuperati in forma di credito di imposta.

Infine nel settore statutario ammesso dello sviluppo locale la Fondazione ha stanziato attraverso il bando “Richieste generali di contributo” 190.150 Euro prevalentemente per la realizzazione di manifestazioni che hanno contribuito allo sviluppo economico e turistico del territorio. Sempre con la modalità del bando, sono stati stanziati 200.000 Euro per l’adeguamento delle palestre delle scuole secondarie superiori.

Tra le iniziative proprie più significative, Carlini ricorda:

  • la realizzazione di un video con protagonista Tania Cagnotto per la promozione della Cascata delle Marmore in onda proprio in questi giorni sui canali SKY;
  • il ritorno a Terni di Umbria Jazz con il Festival “Umbria Jazz Spring” ad aprile 2017;
  • il contributo per la realizzazione del Memorial Paolo D’Aloja, di grande valenza per la valorizzazione del lago di Piediluco;
  • il finanziamento in favore del Comune di Terni per la riqualificazione di largo Villa Glori.

In favore della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Terni è stato stanziato un contributo per il completamento del progetto di digitalizzazione e indicizzazione degli atti processuali penali avviato nel 2016. Il Presidente Carlini riferisce che è proseguito anche nel 2017 l’impegno della Fondazione nella Consulta delle Fondazioni delle Casse di Risparmio Umbre, che finanzia numerosi interventi su tutto il territorio regionale. In particolare ricorda l’impegno profuso dalla Consulta in favore delle popolazioni colpite dal sisma: il prossimo 18 gennaio sarà presentato a Norcia un bando specifico in soccorso delle aree inserite nel cratere.

Carlini ha reso anche noto che il patrimonio della Fondazione dovrebbe ammontare a fine anno 2017 intorno a 200 milioni di Euro.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere