CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, Zuccarini attacca: “Sulla sede della Asl è stato fatto colpo di mano”

Foligno Spoleto Politica

Foligno, Zuccarini attacca: “Sulla sede della Asl è stato fatto colpo di mano”

Redazione
Condividi

Stefano Zuccarini
FOLIGNO – E’ “un colpo di mano del presidente Paparelli” – per il sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini – il trasferimento della sede legale della Usl2 da Foligno, dove era in via del tutto provvisoria, a Terni, in via definitiva.

 

Rappresentante “La presidente della Regione Umbria – ricorda il sindaco – si è dimessa a seguito dello scandalo giudiziario di Sanitopoli ed ora il presidente facente funzioni è l’ex vicepresidente Paparelli di Terni. Un ternano, pezzo da novanta del Partito Democratico umbro e ternano. Luca Barberini, sempre a causa dello scandalo Sanitopoli, si è dimesso dal ruolo di assessore regionale alla Sanità, in quanto coinvolto nell’inchiesta in corso. Foligno ha così perso l’unico rappresentante che aveva nella giunta regionale, per l’appunto, alla Sanità. In vista delle ormai imminenti elezioni regionali anticipate di autunno – prosegue Zuccarini – ecco che l’attuale presidente facente funzioni si è ritrovato il campo libero, scegliendo così la sua Terni”.

Elettorale “Con una chiarissima e smaccata operazione elettorale – osserva Zuccarini, in una nota del Comune – dettata dal furbesco tornaconto personale. E’ un atto di stretta competenza regionale, fatto da una giunta decimata da Sanitopoli, che piuttosto dovrebbe pensare soltanto alla mera ordinaria amministrazione, in vista di nuove elezioni. Un caso, tutto interno alle schermaglie elettorali dello stesso Partito Democratico”.

Scaricare “Cercare ora di scaricare le colpe sull’attuale amministrazione comunale di Foligno – sostiene il primo cittadino – è davvero paradossale, non accettiamo lezioni da parte di chi si è dimesso da assessore alla Sanità perché coinvolto in Sanitopoli. Siamo di fronte ad una giunta regionale ed un Pd ormai agli sgoccioli, che cercano solo di ‘avvelenare i pozzi’ in preda allo sbando”. Nei giorni scorsi Barberini aveva detto, fra l’altro, a questo proposito, che “certo non e’ un bell’inizio nemmeno per la nuova Amministrazione comunale di Foligno, che si è fatta sfilare così la sede legale della Usl, con tutto ciò che ne consegue sul fronte politico e della presenza di servizi in città, che ne usciranno inevitabilmente penalizzati, con gravi ripercussioni sul ruolo e sulla centralità di Foligno nel panorama regionale”.

La replica “Il sindaco di Foligno non si preoccupi per me, ma prenda posizione e dia risposte chiare ai cittadini rispetto a un atto che va a depotenziare il ruolo della città e del territorio”: Luca Barberini, ex assessore regionale alla Sanità e attuale consigliere regionale del Partito democratico, replica così al sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini, in merito al trasferimento definitivo della sede legale della Usl Umbria 2 a Terni, deciso con una recente deliberazione della Giunta regionale. “Qui – evidenzia Barberini – non si tratta di dare lezioni di moralità, come dice il neo sindaco di Foligno cercando di spostare l’attenzione rispetto a un nervo per lui evidentemente scoperto, ma di difendere gli interessi della città che rischia di perdere ruolo, uffici e servizi strategici, con ripercussioni pesanti anche sull’occupazione. Nella sua vaga replica alla mia presa di posizione, Zuccarini non ha fatto capire cosa pensa del trasferimento a Terni della sede legale della Usl 2”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere