CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, Nerval Teatro apre la stagione 2017/2018 dello Spazio Zut

Eventi Cultura e Spettacolo Foligno Spoleto Città

Foligno, Nerval Teatro apre la stagione 2017/2018 dello Spazio Zut

Redazione cultura
Condividi

SIPARIO UMBRIA – Presentata ieri (9 novembre) allo Spazio Zut di Foligno Re: act, domande e risposte del teatro contemporaneo, quarta rassegna teatrale a cura dell’associazione Zoe alla presenza di Emiliano Pergolari e Michele Bandini (direttori artistici), il vicesindaco di Foligno e assessore alla cultura Rita Barbetti, il segretario generale della Fondazione cassa di risparmio di Foligno Cristiano Antonietti. Nuovi linguaggi, nuove modalità di indagine e di utilizzo della parola e dell’azione scenica per sei spettacoli tra monologhi e dialoghi, performance e danza, storie e immaginari. Tutto sotto un unico comune denominatore: il teatro nella sua declinazione più ampia che spazia dalla narrazione al teatro danza, dal performativo al monologante. Quest’anno la stagione sarà declinata al femminile e a Foligno saranno ospitate quasi esclusivamente artiste, autrici, attrici, registe o progetti a tematica femminile. Una prospettiva fertile, uno sguardo che è mistero e grazia, una ricerca al tempo stesso ironica e profonda, innovativa e radicata. Inoltre, quest’anno Rea: act, inserita all’interno del Progetto di Residenza “Foligno InContemporanea” con il contributo di Comune di Foligno, Regione Umbria, Ministero per le Attività Culturali, Fondazione Cassa di risparmio di Foligno, si arricchisce anche della collaborazione del Teatro Stabile dell’Umbria.

Il programma – Dopo l’anteprima all’interno del cartellone di Umbrialibri 2017, si inizia oggi (10 novembre) alle ore 21.15 con ELLA di Nerval Teatro.

ella-nerval-teatro

Un lavoro storico e di grande risonanza a livello nazionale che viene ripreso con un nuovo allestimento dopo 10 anni. Di Herbert Achternbusch e per la regia di Eugenio Sideri vede come protagonista Maurizio Lupinelli. A dicembre con tre repliche (6-7-8 dicembre) sarà la volta di Todi is a small town in the center of Italy scritto e diretto da Liv Ferracchiati, una delle registe più interessanti del momento, per una produzione Teatro Stabile dell’Umbria. Dramaturg di Greta Cappelletti, sul palco Caroline Baglioni, Michele Balducci, Elisa Gabrielli, Stella Piccioni, Ludovico Röhl.

4-lasta-del-santo-gli-omini

Il 22 dicembre la compagnia Gli Omini presenta L’asta del Santo, un mercante in fiera sulle vite dei santi. Ogni Santo ha una sua storia di straordinarie avventure, sovrannaturali peripezie, impensabili morti, superpoteri. Carte di Luca Zacchini. Scritture di Giulia Zacchini, con Luca Zacchini e Francesco Rotelli. Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi è il titolo del film del Teatro delle Albe che sarà proiettato il 28 gennaio (ore 18.15, ingresso gratuito) con, a seguire, un incontro con Roberto Magnani (attore del Teatro delle Albe). Tratto dall’omonimo spettacolo teatrale del Teatro delle Albe, il film di Marco Martinelli – riconosciuto di interesse culturale dal Ministero per i beni e le attività culturali Direzione generale Cinema – presenta la storia della politica birmana e Premio Nobel Aung San Suu Kyi, interpretata da Ermanna Montanari, colei che dopo ventuno anni di reclusione oggi siede nel parlamento del suo paese, unica donna, ma che si vede ancora sbarrata la strada verso la presidenza. Il 4 febbraio salirà sul palco R. Osa. 10 esercizi per nuovi virtuosismi, spettacolo in collaborazione con il Teatro Stabile dell’Umbria, per la coreografia e regia di Silvia Gribaudi. In scena un invito a osare l’unicità espressiva del corpo, con l’attrice e performer Claudia Marsicano, finalista Premio UBU 2016 come nuova attrice under 35. Con il supporto di Qui e Ora Residenza Teatrale Milano, in collaborazione con Armunia Centro di residenze artistiche Castiglioncello/Festival Inequilibrio; AMAT – Ass.Marchigiana attività teatrali; Teatro delle Moire/Lachesi LAB Milano; CSC Centro per la scena con-temporanea Bassano del Grappa.

6-gianni-societa

Ultimo spettacolo in programma è Gianni in cartellone il 3 marzo di La società dello spettacolo, di e con Caroline Baglioni è ispirato alla voce di Gianni Pampanini, “lo zio con problemi maniaco-depressivi che mi faceva paura”, supervisione alla regia di Michelangelo Bellani e C.L.Grugher. Progetto vincitore del Premio Scenario per Ustica 2015, spettacolo vincitore del Premio In-Box Blu 2016 e Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria 2017.

Prima di ogni spettacolo serale o dopo quello pomeridiano (ore 20 circa) sarà possibile partecipare alla Cena di Stagione nella ZUT Gallery (prenotazione obbligatoria, con limitata disponibilità di posti, al 389 0231912).

Informazioni e prenotazioni: 389.0231912 (orario biglietteria 15-19) – zoeteatro@hotmail.it – spaziozut.organizzazione@gmail.com

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere