CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, Michal Marczak sul grande schermo per la rassegna ‘Visioni’

Eventi Cinema Cultura e Spettacolo Foligno Spoleto Città

Foligno, Michal Marczak sul grande schermo per la rassegna ‘Visioni’

Redazione cultura
Condividi

FOLIGNO – Quarto appuntamento per Visioni, rassegna targata Young Jazz, che oggi (25 marzo) alle ore 17.30 propone allo Zut di Foligno la proiezione di All These Sleepless Nights di Michal Marczak (Polonia 2016, 102’).

Il regista gira le sue sequenze con stacchi frequenti per sobbalzi come sincopi jazzistiche per raccontare la giovinezza in un Varsavia già post-comunista, lontana da Wajda e Kieślowski, ma vicino con il cuore ai loro problemi. Si è come in viaggio, in queste notti insonni, danzando – letteralmente, perché danza anche la camera – nei budelli di Varsavia: i suoi eccessi, la sua pelle grigio-verde, il suo respiro, il giovanile tormento. Un viaggio di cento minuti tra feste, alcol, tabacco, droghe, lingue, gelosie e scarse intenzioni. Nonostante la pellicola incominci con un bilancio del tempo mediamente impiegato da una persona in una vita (e il protagonista resti smarrito prendendo coscienza che le separazioni, in tutto, statisticamente impegnino appena ventisette ore dell’intera esistenza di un individuo), l’idea precipua è che il presente sia l’unico piatto da leccare fino all’ultimo sorso e che il futuro è volgare, o è una menzogna. Per questi lineamenti, ‘All these sleepless nights’ rimanda alla medesima narcosi sonora e tematica di Eden (di Mia Hansen-Løve, 2014) o di Love (di Gaspar Noé, 2015). A differenza di questi due lavori, tuttavia, l’opera polacca è, in quasi tutto il suo corso, documentario: Michal Marczak, cioè, in due anni accende la camera e spia, con occhio curioso, le notti e la albe di Varsavia; pedina i due principali interpreti, ne intuisce slanci e discordie, ne indaga le relazioni, ne sviscera i desideri, si inoltra nel delirio di queste adunate esterne o casalinghe, spesso segnate da vortici di musica elettronica (‘Can’t do without you’ di Caribou, scagliata in spiaggia, riempie una delle sequenze migliori). Il film non pone domande e non cerca risposte. Semplicemente mostra: come si è giovani, com’è difficile, e come si può esserlo oggi, in una capitale europea. Per questo, Marczak evita la fiction ed evita del tutto che il suo sguardo indugi sulla vita più “concreta” di queste persone: cosa studiano (se studiano), cosa fanno, come e quanto guadagnano prima di addentrarsi nell’Ade varsaviano. Nella consapevolezza che il film è, pertanto, documentario, la pochezza contenutistica e l’(in)esistenza della trama passano in secondo piano. Anzi, iniettano più prestigio e più intimità a questi folli cento minuti, che ineluttabilmente incarnano la tradizionale, santa triade: amore, dolore, vita.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere