CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, maxi esercitazione militare: simulati soccorso in area guerra e sisma

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra EVIDENZA2 Città

Foligno, maxi esercitazione militare: simulati soccorso in area guerra e sisma

Redazione
Condividi

FOLIGNO – Un conflitto tra due Paesi del Corno d’ Africa con intervento della comunità internazionale è stato lo scenario dell’ esercitazione che ha visto impegnati i militari del Comando dei supporti logistici (Comsuplog) dell’ Esercito in un’ area messa a disposizione dalla Protezione civile, a Foligno. Per garantire le cure di emergenza e di primo soccorso ai militari feriti e dare assistenza alle popolazioni civili coinvolte, è stato allestito un ospedale da campo. Servito anche per una simulazione legata all’ intervento di Esercito e Protezione civile in soccorso alle popolazioni colpite da un terremoto in Italia.

Occupati 10mila metri quadri La struttura schierata, composta da oltre 40 moduli sanitari tra tende, container e dispositivi sanitari specialistici, alcuni dedicati al supporto e al funzionamento – dice una nota della Regione – ha occupato un’ area di 10000 metri quadri, impegnato oltre 150 militari e 40 mezzi provenienti da Roma, Bellinzago Novarese,Torino, Budrio, Persano e Bari. Per rendere verosimile l’ esercitazione, conclusa oggi, un team ha organizzato e simulato una serie di situazioni di emergenza per mettere alla prova militari, medici e operatori della Protezione civile sul posto usando anche alcuni figuranti. Sale operatorie, terapia intensiva e numerosi moduli equipaggiati con macchinari diagnostici sono alcune delle componenti schierate sul terreno, oltre strutture logistiche allestite per ospitare personale militare occupato in montaggio e manutenzione dei materiali sanitari.

Operazioni Il personale medico che ha operato nell’ ospedale da campo è stato composto da medici del policlinico militare Celio, del Comando logistico e dalla Scuola di sanità e veterinaria dell’ Esercito, della Protezione civile e dalla Regione Umbria. Scopo dell’ esercitazione, verificare le capacità di schierare un ospedale da campo in tempi contenuti e renderlo funzionante e idoneo alla gestione di situazioni di crisi in sinergia con la Protezione civile e con personale e strutture del Servizio Sanitario Nazionale. A completare l’ esercitazione un dispositivo di gestione flussi di uomini, mezzi e materiali di rientro in Italia da una zona di operazioni all’ estero denominato”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere