CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, il Pd oscilla sempre di più: il candidato a sindaco è un rebus

Foligno Spoleto Extra EVIDENZA2

Foligno, il Pd oscilla sempre di più: il candidato a sindaco è un rebus

Pinocchio
Condividi

Una riunione del Pd di Foligno

FOLIGNO – Martedì sera, interno. scene da un rompicapo politico. Parlano i rappresentanti delle liste ‘Foligno 2030’, ‘Foligno in comune’, ‘Foligno soprattutto’ e ‘Patto per Foligno’ e alla fine viene fuori che il nome di Joseph Flagiello può starci come candidato a sindaco. Parla il sindaco Nando Mismetti e mette sul tavolo l’idea del ‘tutti o nessuno’, che dice: non ci sono in corsa i miei assessori, dunque, non ci può essere Flagiello. E la ruota nel centrosinistra gira con il Pd locale che fa sempre più fatica a reggere sul nome dello stimato notaio Luigi Napolitano voluto fortissimamente dall’assessore regionale alla Sanità Luca Barberini. E allora che si fa? Altro giro di chiamate, con settori dell’imprenditoria locale sempre più nervosi, e con l’idea che se non siamo al terno al lotto poco ci manca.

La trovata L’ultima trovata sembra quella di buttare in pista un dirigente della Umbra Cuscinetti ma nessuno capisce il come il perché. Il segretario regionale Pd Gianpiero Bocci tace e non si Sto arrivando! se acconsente. Mercoledì altra riunione di coalizione e poi assemblea del Pd cittadino. Un dirigente nella tarda serata di lunedì è preso da ironico sconforto: “Gli altri sono già in campagna elettorale noi, invece, andiamo avanti con un dibattito di cui nessuno capisce i contorni…”. Contorni sfumati e gioco ai quattro cantoni. O Flagiello o Napolitano. Conto più che mai alla rovescia.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere