CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, final four A1 di tennis: lo Scudetto va a Prato e all’Aniene Roma

Calcio Sport Foligno Spoleto

Foligno, final four A1 di tennis: lo Scudetto va a Prato e all’Aniene Roma

Redazione sportiva
Condividi

FOLIGNO – Conclusa a Foligno la final four di serie A1 di Tennis, che ha visto ospite Nicola Pietrangeli, bandiera del tennis italiano e fra i migliori tennisti indiscussi della storia. E’ stato lui a premiare i vincitori di Foligno. Conduttore televisivo, attore ed opinionista sportivo, ha vinto il Roland Garros per due anni consecutivi, due edizioni degli Internazionali

Donne. Per il terzo anno consecutivo il Tennis Club Prato ha conquistato lo scudetto femminile battendo per 3-2 il Club Atletico Faenza, matricola-rivelazione del torneo. Nella finale del Campionato di Serie A1 a squadre disputata sul veloce indoor del PalaPaternesi di Foligno è stato il doppio di spareggio a decidere, con Maria Elena Camerin e Lucrezia Stefanini che hanno sconfitto per 62 36 10-3, in un ora e 15 minuti di gioco, Alice Balducci e Camilla Scala.Dopo il successo nel primo singolare di questa seconda giornata della “veterana” Camerin che aveva battuto per 62 67(7) 75 la Scala dopo due ore e mezza di battaglia portando in vantaggio Prato, era infatti arrivato il pareggio di Faenza grazie al doppio Balducci/Scala che si eraimposto per 61 64, in un’ora ed un quarto di partita, su Corinna Dentoni e Lisa Piccinetti. Venerdì nel primo match Agnese Zucchini aveva sconfitto per 61 62, in un’ora e 4 minuti di gioco, Lucrezia Stefanini portando in vantaggio la formazione romagnola, matricola-rivelazione del campionato. Pareggio delle toscane, campionesse in carica, firmato da Corinna Dentoni, che nella sfida fra le numero uno dei due team si era imposta per 64 76(2), in un’ora e tre quarti, su Alice Balducci rimettendo tutto in discussione.

Dopo aver perso il primo doppio stavolta Prato ha schierato la formazione ottimale, quella composta da Camerin, che ha avuto il tempo di rifiatare, e Stefanini che sono partite subito con grande determinazione aggiudicandosi per 6-2 il primo parziale contro Balducci e Scala. Nel secondo gioco del secondo set è arrivata la reazione di Faenza che ha preso un break di vantaggio (propiziato da un errore della Stefanini). Prato si è ripresa immediatamente il break anche perché Faenza ha continuato a sbagliare qualcosa di troppo sotto rete, soprattutto con la Balducci. Nel sesto gioco Faenza ha tentato di nuovo l’allungo ma stavolta ha confermato il break (5-2) e poco dopo con una gran prima della Scala ha pareggiato il conto dei set. A testimonianza del grande equilibrio tra i due team ad assegnare lo scudetto è stato il super tie-break dove l’esperienza ha fatto tutta la differenza di questo mondo con Camerin/Stefanini che se lo sono aggiudicato per 10 punti a 3 regalando a Prato il quinto titolo della sua storia.

Maschile. A chiudere le Final Four 2017 sono le squadre maschili che  si sono sfidate per accaparrarsi il titolo di campioni d’Italia. Ad uscire dal Palapaternesi con lo scudetto tricolore cucito alla maglietta è la squadra del Circolo Canottieri Aniene che ha sconfitto il Tennis Club Parioli al tie break del terzo set del doppio di spareggio. Il doppio formato da Matteo Berrettini e Flavio Cipolla segnano il punto decisivo battendo in rimonta, per 46 61 10-5, Francesco Bessire e Matteo Fago.

Un vero e proprio derby capitolino, con due tifoserie al seguito definite “da Olimpico” visto il tipico silenzio in campo durante i match di questo affascinante sport. Un Palapaternesi carico di adrenalina, che ha contribuito a rendere l’atmosfera delle finali 2017 unica ed indimenticabile. La fedeltà che ogni giocatore ha dimostrato per la propria squadra ha regalato al pubblico partite emozionanti e combattute, lasciando ben trasparire il sogni di ognuna, lo scudetto tricolore.

Sergio Palmieri, direttore degli Internazionali BNL d’Italia, delle appena trascorse Next Gen Ato Finals e delle stesse Final Four, ha decretato l’edizione 2017 la migliore dal punto di vista organizzativo per competenza del team e per le caratteristiche dell’impianto messo a disposizione. “Da molti anni a questa parte non trovavo una tale cura nella preparazione e realizzazione delle finali di campionato. È questo che merita una finale di serie A1, sia dal punto di vista organizzativo che promozionale. Ad assistere alle partite più di 500 persone al giorno” commenta Palmieri.   MEF tennis events promossa dunque a pieni voti: “alla fine di questo splendido evento, possiamo dire con numeri alla mano di aver portato il nostro contributo alla città di Foligno. Hanno raggiunto la città umbra da tutte le regioni d’Italia più di 500 persone che hanno pernottato in 170 camere da 1 a 4 notti. Foligno è stata in diretta su Supertennis TV (Sky 224 e 64 digitale terrestre) per oltre 20 ore nei tre giorni di gara, non considerando gli spot pubblicitari, i commenti post partita e le interviste a bordo campo” afferma Marcello Marchesini al termine dell’ultima gara.
Un weekend dunque di grande prestigio, che speriamo possa tornare in Umbria anche il prossimo anno. Appuntamento a dicembre 2018.

Fed Cup.  Novità per gli organizzatori nel 2018 sarà la gara di Federation Cup Italia-Spagna, per la quale la Federazione ha scelto MEF tennis events a sostegno dell’evento. L’appuntamento è a Chieti, il 10 e l’11 febbraio, nel PalaTricalle rivestito di terra rossa per volere del clan azzurro. La sfida è cruciale poiché la nazione vincente accederà ai playoff per ritornare nel World Group.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere