CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foligno, è morto Enrico Angelini: il partigiano che cancellò una svastica

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto EVIDENZA2

Foligno, è morto Enrico Angelini: il partigiano che cancellò una svastica

Redazione
Condividi

Enrico Angelini

FOLIGNO – E’ morto Enrico Angelini, il partigiano umbro che a novant’anni cancello una svastica disegnata su un muro di Cascina Faticosa luogo simbolo della Resistenza fatta a Foligno.  Giovedì Angelini è morto a 93 anni. Ha combattuto nazisti e i fascisti con la Brigata Garibaldi, dopo essere scampato, nel febbraio del 1944, al rastrellamento nazista che portò alla cattura sulle montagne tra Foligno e Trevi, di 24 giovani partigiani, molti dei quali trovarono la morte nel campo di concentramento di Mauthausen.

Omaggio A esprimere “profondo cordoglio a nome dell’amministrazione comunale e mio personale a tutta la famiglia” è stato il sindaco di Foligno, Nando Mismetti: “Enrico è stato un esempio di sacrificio e di lotta per gli ideali di libertà e democrazia e di rispetto assoluto per la nostra Costituzione”. Ad assicurare ad Angelini che “ricorderemo sempre la sua lezione di vitae di storia e ne faremo tesoro in tutta l’Umbria per continuare a promuovere i valori della pace, della libertà, della solidarietà, della giustizie e della democrazia” è l’assessore Luca Barberini, “valori che – dice l’assessore regionale alla sanità – non vanno mai dati per scontati, ma difesi e coltivati ogni giorno, soprattutto in questo momento storico difficile, per evitare che vengano nancora messi in discussione e che certa storia si ripeta”
Tags: