CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Foconi e Vardaro stelle del galà di fine anno del Circolo Scherma Terni

Terni Sport Altri Extra

Foconi e Vardaro stelle del galà di fine anno del Circolo Scherma Terni

Redazione sportiva
Condividi

Il sindaco Di Girolamo premia Alessio Foconi (foto tratta da video Ontv)

TERNI – Alessio Foconi, Elisa Vardaro e tutto il pianeta della scherma ternana hanno sfilato in passerella ieri sera al Circolo della scherma, dove è andata in scena la tradizionale serata di gala  con premiazioni, che quest’anno è coincisa, oltrechè con i 71 anni del Circolo Scherma Terni, anche con la celebrazione di un’annata straordinaria: “Non a caso abbiamo atteso la fine degli europei, dove era impegnato Foconi”, ha sottolineato Alberto Tiberi, presidente del Circolo.

Annata super. “Questa stagione resterà negli annali – ha detto Tiberi – quattro ori e un argento nel fioretto, con la punta della vittoria tricolore di Foconi in singolo e a squadre, l’argento nel singolo e l’oro a squadre della Vardaro, l’avanzamento nel ranking sia di Foconi, che dopo le ultime gare è ora sesto nel fioretto al mondo, sia della società che è nelle prime tre italiane. La nostra tradizione continua a dare ottimi frutti e ora ci prepariamo ai mondiali fra un mese a Lipsia, chissà magari sognando anche Tokyo 2020: Foconi mi ha dato il permesso di dire che è carichissimo, in grande forma”.

Organizzazione di livello. Nella serata, che ha visto in veste di premiatori il sindaco Leopoldo Di Girolamo, il vice presidente del Coni Umbria Moreno Rosati e il delegato provinciale del Coni Stefano Lupi, sono stati ricordati anche i risultati dei giovanissimi e dei master e gli ottimi risultati raggiunti anche a livello organizzativo: “Ci siamo confermati anche a livello organizzativo, su tutti il  campionato italiano cadetti che ha portato in città fra le 8 le 10.000 persone: la federazione ripone in noi molte aspettative e noi siamo puntuali nel dare un prodotto eccellente. Ora ci prepariamo ad organizzare il prossimo evento, una gara internazionale paralimpica, programmata per maggio 2018. Per questo, dobbiamo ringraziare anche la Fondazione Carit, che ci è sempre stata vicino”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere