CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Filarmonica Umbra, al Secci Chiesa e Baglini sulle note di Brahms

Eventi Terni Cultura e Spettacolo Extra

Filarmonica Umbra, al Secci Chiesa e Baglini sulle note di Brahms

Redazione cultura
Condividi

TERNI –  Domani alle ore 17.30 Teatro Secci ottavo concerto della Stagione Concertistica 2016/17 dell’Associazione Filarmonica Umbra.Ultima fermata in Brahms Platz . Apriranno il pomeriggio per la sezione young il clarinettista Stefano Mozzi ed il pianista ternano Emanuele Grigioni con Phantasiestucke op.73 di Robert Schumann per clarinetto e pianoforte per poi lasciare il palco alla violoncellista Silvia Chiesa e il pianista Maurizio Baglini.

Il duo Chiesa – Baglini, che sta raccogliendo grandi consensi a livello internazionale, eseguirà la Sonata in mi minore n. 1 op. 38 di Johannes Brahms, la Sonata in sol minore, op. 19 di Serghej.

L’evento. Il concerto partirà dall’eleganza formale e dalla fluidità delle pagine di Brahms per passare al dialogo brillante e coinvolgente tra pianoforte e violoncello della bellissima Sonata di Rachmaninov . Maurizio Baglini e Silvia Chiesa, definiti “un insolito duo di solisti di razza prestati al camerismo”, formano una coppia nella musica e nella vita. Baglini è tra i musicisti più brillanti sulla scena internazionale. Nato a Pisa nel 1975 e vincitore a 24 anni del “World Music Piano Master” di Montecarlo, ha al suo attivo un’intensa carriera in Europa, America e Asia: oltre milleduecento concerti come solista e altrettanti di musica da camera in sedi prestigiose come la Salle Gaveau di Parigi, la Victoria Hall di Ginevra, il Festival dei 2 Mondi di Spoleto e il Kennedy Center di Washington. Il suo vasto repertorio spazia da Byrd alla musica contemporanea, con riferimenti importanti a Chopin, Liszt e Schumann.

La violoncellista Silvia Chiesa ha conquistato pubblico e critica grazie a una brillante carriera solistica che la colloca tra le interpreti italiane più apprezzate nel mondo, con regolari tournée nei principali paesi europei, ma anche negli Stati Uniti, in Cina, Australia, Africa e Russia. Le sue interpretazioni esplorano anche repertori poco noti o inusuali: dopo il fortunato album con i due Concerti per violoncello di Nino Rota, a novembre 2014 è uscito il nuovo cd The Italian Modernism che comprende la prima registrazione del Concerto in do minore di Pizzetti, insieme al Concerto op. 58 di Casella e all’Adagio con Variazioni di Respighi. Entrambi sono stati registrati con l’Orchestra Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris e pubblicati da Sony Classical. La violoncellista milanese ha anche un ruolo di primo piano nella fioritura del repertorio contemporaneo per il suo strumento. Il costo del biglietto intero è 10 euro, il ridotto 8 euro, ridotto ragazzi 4 euro.Info ticket3404188488.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere