CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Festa a Trevi per la Tirreno-Adriatico: tappa allo sloveno Roglic, Thomas leader

Sport Altri Foligno Spoleto

Festa a Trevi per la Tirreno-Adriatico: tappa allo sloveno Roglic, Thomas leader

Redazione sportiva
Condividi

TREVI – A Montefalco il traguardo volante, poi in salita verso Trevi. L’Umbria ha risposto nuovamente alla grande alla chiamata del grande ciclismo. Tanta folla lungo le strade delle valli folignati e un grande sport per le terre del Sagrantino, citato anche dal telecronista della Rai. La terza tappa della corsa dei Due Mari, la Tirreno-Adriatico, è arrivata a Trevi da Follonica, non senza colpi di scena lungo i 234 chilometri del tragitto. Alla fine ad alzare le braccia è lo sloveno Primoz Roglic (LottoNL-Jumbo). Scatto decisivo all’ultimo chilometro per l’ex saltatore con gli sci: battuto di pochissimo Adam Yates. Prime scaramucce tra i big: in vetta alla classifica generale si porta Geraint Thomas.

La corsa è entrata in Umbria a 98 chilometri dall’arrivo, a Moiano di Città della Pieve, sul primo dei due traguardi volanti, per poi passare da Tavernelle di Panicale, entrare nel comune di Marsciano passando per Castiglione della Valle, quindi Collepepe di Collazzone e il bivio per Gualdo Cattaneo prima di Montefalco con l’anello finale fra Borgo Trevi e Trevi da ripetere due volte.

A prendere il comando delle operazioni sull’ascesa di Trevi (primo passaggio prima dell’arrivo) è stato il Team Sky: il primo a muoversi dal gruppo è stato invece Edoardo Zardini (Wilier-Triestina). A 6 chilometri dal traguardo è stata la volta di Steve Morabito (FDJ), che comunque non ha guadagnato troppo spazio.

Sull’ultima ascesa a Trevi è scattato subito Primoz Roglic (LottoNL-Jumbo) seguito da Alexey Lutsenko (Astana), che ha dovuto cedere però subito dopo il passo. Lo sloveno è riuscito però a creare un buco di una cinquantina di metri, con il Team Sky che non è riuscito a chiudere. A provare l’accelerazione a 400 metri dall’arrivo è stato il campione olimpico Greg Van Avermaet: il corridore della BMC non ha avuto però la forza per andar via dal gruppo. Il Team Sky con Gianni Moscon e Geraint Thomas ha aumentato l’andatura, ma a sorpresa è venuto fuori Adam Yates (Mitchelton-Scott): il britannico si è riportato praticamente su Roglic, senza avere la possibilità di scavalcarlo, chiudendo a 3” di distacco. Terza piazza per il trionfatore della Strade Bianche, Tiesj Benoot, migliore degli azzurri Moscon, settimo.

Classifica generale apertissima, con Thomas e Van Avermaet pari tempo (per questione di piazzamenti avanti il gallese). In tanti ancora possono attaccare la vetta.

Domani la carovana riparte alle 9 da Foligno (leggi qui le limitazioni al traffico) in una tappa che si concluderà sulla salita di Sassotetto di Sarnano, nelle Marche, legata all’Umbria anch’essa perchè sede di alcune delle gare del campionato interregionale di sci alpino. Si preannuncia brutto tempo, non proprio l’ideale per un arrivo in salita.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere