CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ferragosto e volontariato, per Norcia e Castelluccio altra ripartenza

EVIDENZA Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra

Ferragosto e volontariato, per Norcia e Castelluccio altra ripartenza

Redazione
Condividi

NORCIA – Norcia riparte fra turismo e volontariato. Il Ferragosto, altro banco di prova per la città che sta ripartendo ha dato risposte positive sia nella città di San Benedetto che a Castelluccio. La conferma arriva dai ristoratori che dopo il sisma sono riusciti a ripartire con i propri locali o all’interno di tensostrutture adibite a ristoranti. “Abbiamo avuto tanti clienti e anche nei giorni scorsi i pochi locali aperti nel centro storico di Norcia hanno lavorato molto bene, speriamo che questo trend continui”, ha spiegato all’Ansa uno dei ristoratori storici della città.

“Sappiamo comunque – aggiunge – che la maggior parte delle persone che raggiungono la nostra città lo fanno con spirito di solidarietà e non per una vera motivazione turistica: l’auspicio – continua Filippi – è che presto si avvii la ricostruzione così da dare una motivazione in più per visitare la Valnerina”. A Castelluccio, risposta ugualmente positiva: “Non c’è stato l’afflusso degli altri anni, ma la gente è venuta spesso da quando abbiamo riaperto e questo ci dà fiducia per il futuro”, dice uno dei titolari di ristorante.

Capitale del volontariato. Intanto, Norcia si candida a diventare capitale europea del volontariato e fa le prove generali ospitando 16 giovani provenienti da otto Paesi dell’Unione europea che arriveranno nella città umbra colpita dal sisma il 17 agosto prossimo e per un mese saranno impegnati in attività presso vari enti e associazioni del territorio nursino. “Una sorta di Erasmus del servizio civile”, ha spiegato  l’assessore comunale Giuseppina Perla, ricordando che “Norcia che si è aggiudicata il bando del ‘Servizio volontario europeo’, in base al quale questi giovani nella nostra città avranno la possibilità di maturare esperienze importanti, stando a contatto con la Protezione civile, con gli uffici comunali, con i monaci benedettini, con la Soprintendenza alle belle arti e con altre associazioni”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere