CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Fermata e denunciata coppia di giovani fidanzati: comperavano con banconote false

EVIDENZA Alta Umbria

Fermata e denunciata coppia di giovani fidanzati: comperavano con banconote false

Redazione
Condividi
Banconote false (foto d'archivio)
Banconote false (foto d'archivio)

CITTA’ DI CASTELLO – Il Comando Provinciale della Guardia di finanza di Perugia ha stroncato un traffico di banconote false in Altotevere.. I militari Tenenza di Città di Castello hanno sequestrato più di 6.000 euro contraffatti e denunciato una coppia di fidanzati, accusati di avere speso le banconote incriminate.

Indagini Le indagini, nate dopo la scoperta che diversi negozianti della Valtiberina avevano incassato inconsapevolmente dei biglietti da 50 euro falsi, sono state svolte nei confronti di una coppia di fidanzati. Il blitz notturno organizzato dalle Fiamme Gialle ha colto di sorpresa i giovani. I due, a bordo di un’autovettura, hanno invertito il senso di marcia nel tentativo di evitare i controlli, tentativo vanificato da una seconda pattuglia che li stava pedinando con una cosiddetta auto ‘civetta’. Le successive perquisizioni hanno permesso di rinvenire e sequestrare mille euro falsi, nascosti all’interno della biancheria intima della ragazza, e altri 450 euro nell’abitazione del ragazzo. La coppia è stata denunciata all’autorità giudiziaria. Non solo: il ragazzo è stato segnalato alla Prefettura perché guidava con una patente scaduta da 8 anni.

Segnalare Nel corso di successive indagini, è stata effettuata un’approfondita attività di intelligence che ha permesso di sequestrare ulteriori 96 banconote false di vario taglio (del valore di circa 5.000 euro), incassate inconsapevolmente da un centinaio di esercizi commerciali ubicati nei comuni di San Giustino, Città di Castello e Umbertide. I cittadini, fa sapere la Guardia di finanza, sono invitati a segnalare i casi di sospetta falsità di denaro contante. La Banca d’Italia precisa che gran parte delle banconote contraffatte può essere scoperta semplicemente utilizzando il metodo ‘guardare, toccare, muovere’, raffrontando la banconota sospetta con una di cui si conosce la genuinità. 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere