CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Federcalcio umbra, Repace deferito e rieletto presidente: è il quinto mandato

Calcio Sport

Federcalcio umbra, Repace deferito e rieletto presidente: è il quinto mandato

Emanuele Lombardini
Condividi

Luigi Repace (foto Oreste Testa)

PERUGIA – Che venisse riconfermato alla guida della Figc umbra c’erano pochi dubbi, visto che si presentava da candidato unico. Così Luigi Repace sarà presidente per altri quattro anni, ben saldo sulla poltrona che ricopre dal 2000: è il suo quinto mandato. Semmai si trattava di capire quanto avrebbe influito sull’elezione il deferimento rimediato da lui e dal segretario Branda alla vigilia dell’elezione.

Per i due, presunta violazione dell’articolo 1 del codice di giustizia sportiva. Come si legge sul sito della Federcalcio: “Deferimento per aver tenuto, in relazione ai rispettivi incarichi e compiti, in violazione del dovere facente capo a ciascun soggetto dell’Ordinamento federale, di comportarsi, in ogni rapporto comunque riferibili all’attività sportiva, secondo i principi di lealtà, probità e correttezza, delle condotte rivelatrici di una gestione caratterizzata da inadeguatezza organizzativa, disordine materiale e inosservanza di precetti normativi, nonché, da un negligente svolgimento dei propri rispettivi incarichi funzionali, tali da compromettere la regolare attività del comitato regionale Umbria e da arrecare grave pregiudizio al buon nome e all’immagine di quest’ultimo”

Il deferimento, ovviamente, non è una squalifica, sarà ovviamente la giustizia sportiva, se lo riterrà opportuno, a procedere sulla base di altre indagini e quindi si trattava di capire se questo avrebbe fermato o meno l’elezione o se Repace avrebbe ritirato o congelato la candidatura. Ciò non è avvenuto e Repace è stato regolarmente rieletto: “Voglio continuare ad operare per l’esclusiva tutela e salvaguardia delle nostre società-  ha detto – Sabato sono stato deferito per la presunta violazione dell’articolo 1 bis, ma anche questa volta mi difenderò in tutte le sedi opportune.”

Eletti anche gli otto componenti del consiglio direttivo: Salvatore Avola, Carlo Emili, Aldo Gellio Fiorucci, Enzo Graziani, Giampiero Micciani, Danilo Paciotti, Claudio Tomassucci e Virgilio Ubaldi.

Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1