CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Fase 2, Confindustria: Alunni: “Bene dialogo tra Regione e Governo”

Perugia Terni Politica

Fase 2, Confindustria: Alunni: “Bene dialogo tra Regione e Governo”

Redazione politica
Condividi
Antonio Alunni
Antonio Alunni

PERUGIA – “Bene ha fatto la Regione ad avere una posizione di dialogo con il Governo nazionale sulla gestione della ‘ Fase 2′ dell’ emergenza Covid”: lo ha detto all’Ansa il presidente di Confindustria Umbria Antonio Alunni. “Bisogna mantenere una visione e una gestione unitaria del Paese” ha aggiunto senza tuttavia escludere differenziazioni nella ripresa a seconda della situazione epidemiologica nelle varie aree. Secondo Alunni ci possono infatti essere dei distinguo tra i vari territori. “Bene ha fatto la presidente della Regione Donatella Tesei – ha proseguito – a  proporre al Governo un modello che possa consentire all’ Umbria, sempre in un accordo ad una visione generale, di poter avere una differenziazione nelle riaperture. Le fughe in avanti possono creare confusione e consentire al virus di riprendere. A quel punto – ha concluso Alunni – sarebbe un disastro ancora più grande per l’economia”.

Fase 2 Per quanto riguarda la ripartenza, Alunni ha sottolineato come “le industrie umbre sono assolutamente pronte alla ‘Fase 2′ dell’emergenza coronavirus. La ripresa coinvolgerà circa la metà del sistema industriale umbro ancora fermo e quindi 20-30 mila lavoratori. “Numeri molto importanti considerano anche le aziende che non si sono mai fermate” ha sottolineato. “Riguardo al tema sicurezza l’unica preoccupazione che abbiamo – ha spiegato ancora il presidente degli industriali – è legata alla possibilità di reperire con continuità nel tempo i dispositivi di protezione individuale e i test rapidi per mettere in sicurezza i dipendenti”. “Ancora più importante – ha concluso Alunni – è il tema della contrazione significativa della domanda che riguarda quasi tutti i settori produttivi ad eccezione di agroalimentare e farmaceutico. Il Paese ha bisogno di una iniezione di energia, di forza e di positività. Non è più il tempo dei dibattiti ma di agire perché i problemi li conosciamo tutti da tempo”, ha concluso  il presidente di Confindustria Umbria.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere