CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ex Novelli, la proprietà: ecco di chi è la colpa di ritardi e problemi

Economia ed Imprese Perugia Cronaca e Attualità Terni Foligno Spoleto Narni Orvieto Amelia

Ex Novelli, la proprietà: ecco di chi è la colpa di ritardi e problemi

Andrea Giuli
Condividi

Saverio Greco, amministratore unico di Alimentitaliani srl

TERNI – In attesa di una nuova interlocuzione – l’ennesima – al ministero dello Sviluppo economico (prevista intorno alla metà del mese di novembre) per cercare di sbrogliare la complicata matassa della vertenza ex Novelli, l’attuale proprietà dello storico gruppo alimentare umbro, la Alimentitaliani srl della famiglia Greco, invia una propria nota ufficiale nella quale fornisce la sue spiegazioni sulla recente empasse che ha coinvolto la vertenza stessa.

La nota di Alimentitaliani L’azienda spiega che una sentenza del tribunale di Castrovillari del 19 ottobre scorso, “a firma del giudice Laviola, mette ordine e probabilmente anche fine ad una vicenda complessa e per certi aspetti perversa che ha rischiato di compromettere l’attività di una delle più grandi aziende alimentari del Paese, la Alimentitaliani srl. Si è infatti conclusa positivamente per quest’ultima l’annosa controversia con Europrogea per ora la quale si è resa protagonista di un accanimento così al limite, da destare più di un sospetto buono per ogni tipo di retroscena. Ma la sentenza del 19 mette un punto fermo: è illegittimo il colossale pignoramento che Europrogea ha messo in campo ai danni di Alimentitaliani, a questo punto con l’unico intento di farla fallire. Una massa debitoria di 80 milioni di euro che Europrogea ha illegittimamente notificato tanto ad Alimentitaliani quanto ad altri singoli creditori. Ma Alimentitaliani ha corrrettamente presentato domanda di concordato preventivo con i creditori, di fatto congelando nelle more ogni azione di rivalsa nei suoi confronti. Infatti, l’azione ingiuntiva milionaria di Europrogea è intervenuta successivamente alla richiesta di concordato presentato da Alimentitaliani, configurandosi appunto come illegittimo e fuori termine. Tra richieste di sospensive e reiterate ingiunzioni sono però passati 8 mesi all’interno dei quali è stato complesso per Alimentitaliani far fronte agli impegni aziendali. Finché non si è arrivati alla sentenza del 19 che dà ragione ad Alimentitaliani e mette fine all’azione di Europrogea.  Soddisfatta la proprietà, il gruppo iGreco: “Termina una storia che ci ha visti vittime di un vero e proprio ‘agguato fallimentare’ nei nostri confronti. Solo la convinzione di aver agito nel rispetto delle regola e la nostra solidità finanziaria ci hanno consentito di andare avanti comunque fino a giungere a questa sentenza”.img_5696

I cassaintegrati replicano Ma i lavoratori della sede di Terni in cassa integrazione straordinaria non ci stanno e rispondono all’azienda in maniera durissima: “Al di là delle ultime vicende processuali di Alimentitaliani, a noi dipendenti fa ridere il tono da vittima assunto dalla famiglia Greco. Non bastava spacciarsi per grandi mecenati e sostenitori della pari opportunità al Festival di Spoleto, non bastava accusare i media, non bastava prendersela con chi osava fare sciopero accusandolo di tramare per il fallimento aziendale, non bastava non relazionarsi con i sindacati, non bastava abbassare unilateralmente gli stipendi ai dipendenti, non bastava errare i conteggi della cassa integrazione a chi da mesi era in attesa di ricevere l’ammortizzatore sociale. Ora i Greco vogliono passare per vittime di un “agguato fallimentare”. Peccato per loro che la comunità ternana, segnata da anni di lotte sindacali, capirà certamente che in questa storia le vittime sono altre. Sono le persone licenziate. Sono i cassaintegrati. Sono tutti quei fornitori che non vedranno onorati il loro crediti”.

 

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere