CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ex Novelli, il clima si surriscalda e scatta l’assemblea plenaria dei lavoratori

Economia ed Imprese Terni Extra EVIDENZA2

Ex Novelli, il clima si surriscalda e scatta l’assemblea plenaria dei lavoratori

Andrea Giuli
Condividi

Mobilitazione sindacale davanti alla sede Novelli di Terni

TERNI – Come prevedibile, continua ad alzarsi la temperatura tra i sindacati di categoria e tra i lavoratori dell’ex gruppo Novelli, ora Alimentitaliani srl, dopo gli esiti preoccupanti degli ultimi incontri ministeriali con i rappresentanti della nuova proprietà.

Assemblea plenaria dei lavoratori Le stesse organizzazioni sindacali, infatti, fanno sapere che il prossimo 28 febbraio 2017, alle 17, presso la sala congressi dell’hotel Garden di Terni, si terrà l’assemblea sindacale di tutti i lavoratori dei siti umbri di Alimentitaliani srl e Fattorie Novelli, alla presenza dei coordinatori nazionali di tutte e tre le sigle sindacali di Cgil, Cisl e Uil per fare chiarezza sulla discussione iniziata al Mise lo scorso 21 febbraio tra la proprietà, le istituzioni nazionali e territoriali e  I sindacati medesimi.

Tutte le criticità “Tale iniziativa – si legge nel comunicato sindacale unitario – si è resa necessaria in quanto il termometro e la preoccupazione dei sindacati territoriali e dei lavoratori è ormai altissima, dopo aver appreso dalla nuova proprietà che ad oggi non c’è un chiaro piano industriale e che il rilancio aziendale secondo loro passa solo ed esclusivamente sul taglio dei salari, dei diritti e della dignità dei lavoratori. Confermando che tali proposte debbono tornare al mittente, si aggiunge che nella attuale gestione si denuncia un clima pesante e un ingiustificato comportamento nei confronti dei dipendenti stessi. Reputiamo inoltre ingiustificate e incomprensibili l’operatività e la gestione attuale dell’organizzazione del lavoro negli uffici amministrativi e nei siti produttivi. Infine, segnaliamo che nelle prossime ore sarà consegnata probabilmente domanda di “concordato” della quale non si evince ancora le modalità e la natura, ricordando che i dipendenti devono percepire ancora stipendio di gennaio 2017. Resta confermato lo stato di agitazione e l’assemblea valuterà eventuali, altre iniziative”.
.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere