CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ex Fcu, la vicenda torna sui banchi del governo: “Situazione paradossale per i pendolari”

Politica Extra

Ex Fcu, la vicenda torna sui banchi del governo: “Situazione paradossale per i pendolari”

Redazione politica
Condividi

Un convoglio della Ferrovia Centrale Umbra

ROMA – Il deputato Giampiero Giulietti, del Partito democratico, ha presentato un’interrogazione in commissione al ministro delle infrastrutture e trasporti, Graziano Del Rio, in relazione alla vicenda della situazione della rete ferroviaria regionale dell’Umbria (ex Fcu) che ha assunto una veste paradossale.

Giampiero Giulietti (Pd)

Giampiero Giulietti (Pd)

L’interrogazione  “Prima è stato chiuso il tratto Umbertide – Città di Castello, ora si viene a chiudere il tratto Ponte San Giovanni – Perugia, e siamo in attesa di ulteriori spiacevoli sorprese, – afferma Giulietti – tali chiusure avvengono sempre per motivazioni legate alla sicurezza della tratta ed appare evidente che la normale manutenzione della rete non è stata di certo effettuata e magari sono state privilegiate altre scelte che nulla hanno a che fare con la ferrovia, con i pendolari, con gli studenti ed i lavoratori che sono costretti ad odissee assurde (due ore per percorrere la tratta Città Di Castello – Perugia tra autobus e treno)”.
Secondo il deputato del Partito democratico, la vicenda rende plastica l’inadeguatezza della gestione del trasposto su ferro, mentre ancora si è in attesa di comprendere la tempistica del passaggio ad Rfi della rete ferroviaria regionale e di come garantire un servizio temporaneo più agevole per gli utenti e una tempistica certa nell’effettuare i lavori necessari alla linea (onde evitare disservizi e soprattutto depauperare il servizio ferroviario) Giulietti torna ad interrogare quindi il Ministro per conoscere la volontà e di seguito la tempistica e le modalità del passaggio della rete ferroviaria regionale (ex Fcu) a Rfi e per sapere quali iniziative il ministro (congiuntamente alla Regione) intenda mettere in campo per garantire il servizio ferroviario in Umbria a tutela di un patrimonio pubblico fondamentale per la regione e a tutela degli utenti del servizio oggi costretti ad una quotidiana via crucis.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere