CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Elezioni regionali, Porzi insiste: “Subito un tavolo coi 5 stelle e civici”

EVIDENZA Perugia Terni Politica Extra

Elezioni regionali, Porzi insiste: “Subito un tavolo coi 5 stelle e civici”

Redazione politica
Condividi

Donatella Porzi
PERUGIA – Nonostante dal mondo grillino l’intenzione sia quella di chiudere la porta all’accordo in casa Pd non ci rassegna. E ancora una volta esce allo scoperto la presidente dell’Assemblea legislativa, Donatella Porzi: “L’accordo tra Zingaretti e Di Maio a livello nazionale per la nascita di un governo di legislatura fondato su un accordo politico, apre uno scenario nuovo anche in Umbria che è la prima Regione dove si andrà a votare”. Secondo Porzi “questo – prosegue – impone l’immediata costituzione di un tavolo politico intorno al quale il M5s, i partiti, i movimenti civici e le forze storiche della coalizione si confrontino sui contenuti e sui programmi per la nascita di una esperienza politico-istituzionale di ‘Regione-Laboratorio’. E’ nostro dovere creare le giuste condizioni e dimostrare coraggio, superando presto le diffidenze e le reciproche riserve. Si possono coniugare i diversi punti di partenza e farli convergere nel primo esperimento di Governo regionale che rafforzi reciprocamente sia la linea del segretario Zingaretti sia la sfida raccolta da Di Maio”.

 

Fora Nel frattempo Andrea Fora rompe gli indugi e si candida alla presidenza della Regione. “Cari “amici di Facebook” – scrive sul social network dopo aver rilasciato una intervista al Messaggero – come sapete ho dato la mia disponibilità a candidarmi alla presidenza della Regione Umbria. A voi che mi conoscete da più tempo, alcuni da decenni, altri solo virtualmente, è inutile spiegare le ragioni. Dico solo che penso che ci sono momenti in cui occorre schierarsi e metterci la faccia, e questo, io credo, è uno di quelli. Non solo a livello regionale, ma anche nazionale e internazionale, siamo di fronte ad uno scenario difficile, complesso, e preoccupante. Io credo che ognuno debba fare la propria parte per difendere e far vincere tutti i valori fondanti della nostra democrazia, che è fatta, oltre che di grandi ideali, anche di tante piccole cose nella vita di tutti i giorni. Per questo, per uno come me che si è sempre occupato di attività sul territorio, ho detto sì a questa sfida. Che non è e non sarà facile, anche perché dobbiamo e vogliamo ripartire da zero. Ma è una sfida di civiltà e di progresso, e vale la pena di essere combattuta. A viso aperto, in trasparenza, e insieme”.

I socialisti Ma il Psi dell’Umbria frena. “Auspichiamo – si legge in una nota firmata dal segretario regionale Cesari Carini – che anche altre forze politiche, compreso il Pd, condividano con noi la necessità di costruire una coalizione riformista aperta, inclusiva e senza primogeniture». Insomma, uno stop a Fora. “Il Psi dell’Umbria – sostiene Carini – valuta positivamente l’impegno e le proposte politiche dei movimenti civici presenti alla costituente di Umbria dei Territori. Siamo convinti che occorra lavorare insieme per presentare una coalizione riformista rinnovata ed innovativa. In tal senso, l’attività dei movimenti civici è certamente importante per contrastare l’avanzata delle destre nella nostra regione. Da parte nostra, siamo disponibili a raccogliere la sfida lanciata dai movimenti civici sul piano del metodo e dei contenuti politici”.

Sinistra per l’Umbria “Da Sinistra per l’Umbria del futuro” che ha riunito l’Assemblea regionale arriva l’invito a rilanciare, anche in Umbria, la composizione di “una coalizione più ampia possibile – sul modello del probabile nuovo governo nazionale – coinvolgendo, anche il Monimento 5 stelle, per non consegnare l’Umbria alla Lega antieuropea, xenofoba, classista e i suoi alleati di destra”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere