CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Elezioni regionali, con la marea leghista che porta Donatella Tesei alla presidenza molti a sorpresa restano a casa: ecco la nuova composizione del Consiglio

EVIDENZA Perugia Terni Politica Extra

Elezioni regionali, con la marea leghista che porta Donatella Tesei alla presidenza molti a sorpresa restano a casa: ecco la nuova composizione del Consiglio

Redazione politica
Condividi

Palazzo Cesaroni, sede del consiglio regionale

PERUGIA – Marea verde Lega che non lascia spazio a sfumature interpretative. I numeri parlano chiaro: Donatella Tesei è la nuova presidente della Regione con il 57.55% e conquista 255 mila voti, 10 mila in più rispetto al totale delle liste. Vincenzo Bianconi si ferma al 37,5%, totalizzando 166 mila voti, 13 mila in più rispetto alle liste. La Lega prende il 36,95%, FdI va a doppia cifra (10,4%) e doppia Forza Italia (5,5%), Tesei presidente il 3,93% e Umbria civica il 2,06%.  Alla Lega vanno 8 seggi, a FdI 2, a FI 1 e a Tesei presidente 1. Versante opposizioni: Pd 22,33% e si aggiudica 5 seggi, M5s al 7,4% e prende un seggio, Bianconi per l’Umbria 4% un seggio, Sinistra civica verde 1,6% ed Europa verde Umbria 1,43% restano fuori. Claudio Ricci con le sue tre liste viene stoppata al 2,64%, mentre tutti gli altri (Rubicondi, Camuzzi, Carletti, Pappalardo) totalizzano poco più del 2%.

Centrodestra La Lega in consiglio regionale è guidata dal capolista e vice presidente del consiglio regionale Valerio Mancini che riesce a conquistare, segue Stefano Pastorelli, candidato alle ultime Europee e responsabile della Lega del comprensorio Assisi-Bastia con 5.951. Quindi tocca a Valeria Alessandrini con 4.942 preferenze, l’assessore leghista al Comune. Entra con 4.878 voti anche Francesca Peppucci ventiseienne di Todi già candidata alle Europee. Dentro anche la perugina Paola Fioroni, sorella della ex senatrice dem Anna Rita Fioroni, con 4.791. Poi, con 4.107, passa il sindaco di Attigliano Daniele Nicchi. A Terni oltre ad Alessandrini arriva anche Daniele Carissimi, di professione avvocato, con 3.719 preferenze. Dal Trasimeno invece arriva con 3.662 voti l’ex vicesindaco di Passignano Eugenio Rondini. Clamorosa esclusione per l’assessore di Terni Enrico Melasecche che si ferma a 3.570. Per Fratelli d’Italia entrano Marco Squarta con 6.130 preferenze già portavoce del centrodestra e indicato come possibile futuro presidente del consiglio regionale ed Eleonora Pace, portavoce provinciale di Terni del partito con 3.916 voti. Fuori la perugina Michela Sciurpa con 2.664. Forza Italia rielegge solo l’ex capogruppo Roberto Morroni, con 2.304 preferenze: restano fuori il sindaco di Amelia Laura Pernazza e la fedelissima del sindaco di Perugia Andrea Romizi, Laura Buco. Dalla lista Tesei arriva il sindaco di Scheggino Paola Agabiti con 3.110 preferenze.

Centrosinistra Grandi sorprese nel Partito democratico dove secondo molti è andato in scena i primo mini congresso regionale con l’asse Verini-Sereni che esce pesantemente ridimensionato. Grande prova del giovane medico perugino ed ex consigliere comunale Tommaso Bori che intasca 6.484 preferenze e altrettanto significativa la prova di Simona Meloni dal Trasimeno con 4.103 voti. Entra anche Michele Bettarelli da Città di Castello con 3.555 preferenze (qui l’asse Giulietti-Cecchini si è fatto sentire). Tra i big la spuntano solo Fabio Paparelli con 3.846 e la ex presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi con 3.837. Esclusioni che fanno rumore quella dell’ex segretario regionale Pd Giacomo Leonelli che si ferma a 3.232 e della ex senatrice  Valeria Cardinai, vicino alle posizioni politiche del vice segretario nazionale Andrea Orlando, che si si ferma 3.104. Fuori anche l’ex presidente della Provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi con 2.063. Eletto il candidato del ‘Patto civico’ Vincenzo Bianconi e anche Andrea Fora, capolista della civica ‘Bianconi per l’Umbria’ e, che con 2.139 preferenze supera le 1.843 di Leonardo Nafissi.

Grillini Scossone anche nel Movimento 5 stelle: resta fuori il consigliere regionale uscente Maria Grazia Carbonari ed entra invece il  consigliere comunale di Terni, Thomas De Luca, con 2.527: Resta fuori l’ex consigliere comunale di Terni Angelica Trenta. 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere