CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Elezioni regionali, adesso Bianconi cerca di recuperare Fora: “Vediamoci”. Ma l’ipotesi di una candidatura alternativa resta sul tavolo

EVIDENZA Perugia Terni Politica Extra

Elezioni regionali, adesso Bianconi cerca di recuperare Fora: “Vediamoci”. Ma l’ipotesi di una candidatura alternativa resta sul tavolo

Redazione politica
Condividi

Andrea Fora nel corso di una iniziativa

PERUGIA –  Vincenzo Bianconi, con il suggerimento dei vertici locali di Pd e M5S, cerca di ricucire lo strappo con Andrea Fora. E sparge parole di miele e tende la mano e il braccio verso colui che il Pd umbro prima ha appoggiato come candidato presidente e poi scaricato puntando proprio su Bianconi dopo una sfilza di rifiuti di altre personalità. “Andrea Fora è un uomo di grande valore che stimo moltissimo e che ha tanto fatto per questa regione, spero che insieme potremmo realizzare il sogno nostro e di tanti, un’Umbria diversa e migliore”, dichiara Bianconi all’Ansa Bianconi.

Conoscenza  Poi il richiamo alla vecchia conoscenza nata in ambito professionale: “Con Andrea – ha spiegato Bianconi – ci conosciamo da tantissimi anni, ci siamo sentiti e presto ci incontreremo”.  Intanto, l’imprenditore di Norcia e presidente di Federalberghi Umbria è impegnato a comporre le liste e ha tenuto a precisare che affronta questa candidatura “da uomo libero” quale è “sempre stato”. “Non mi sento – ha aggiunto – di entrare dentro un sistema, ma di rappresentare un nuovo corso dove confluiscono tante liste civiche e associazioni”. Con il sostegno di due partiti che “in questo percorso hanno visto l’occasione per rilanciarsi”, ha aggiunto Bianconi.

La replica La replica di Fora non si fa attendere ed è tutta giocata sul filo dell’ironia: “Sembra che la questione del candidato in Umbria volga al termine. Da parte mia ricevo da ore telefonate e messaggi di persone arrabbiate per come questa storia si è sviluppata e anche più di qualcuno che non è contento di come sia andata a finire. Comprendo lo sconcerto: ci sono molti elementi – scrive in un post su Facebook – abbastanza incomprensibili in ciò che è accaduto nelle ultime settimane e in particolare negli ultimi giorni. Per il momento mi limito a ringraziare chi, in privato ma anche qui su Facebook, ha speso parole lusinghiere nei miei confronti”. Insomma, la partita resta aperta e non è detto che sul campo di centrosinistra alla fine si ritrovino due candidati alla presidenza della Regione. Sabato 28 con la consegna delle liste si chiudono i giochi: le prossime ore sarago decisive.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere