CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Elezioni regionali, Bacchetta pronto rompere gli indugi e guidare il Polo civico di centrosinistra: siamo al conto alla rovescia

EVIDENZA Perugia Terni Politica Extra

Elezioni regionali, Bacchetta pronto rompere gli indugi e guidare il Polo civico di centrosinistra: siamo al conto alla rovescia

Pinocchio
Condividi

Luciano Bacchetta con Silvano Rometti

PERUGIA – Alla fine dopo una quarantina di comunicati, dieci conferenze stampa e una ventina di riunioni la cosiddetta gamba civica del centrosinistra sarebbe davvero pronta a giocare la sua partita politica in proprio in vista delle elezioni regionali. ‘Umbria civica’ di cui fanno parte Umbria dei territori, Altra Umbria che riunisce liste e partiti di sinistra, Movimento delle Idee e del Fare, Europa Verde che si propone di riunire gli ambientalisti e il Psi sembrano ormai a scommettere le loro carte sulla candidatura a presidente della Regione dell’attuale sindaco di Città di Castello e della Provincia di Perugia, Luciano Bacchetta. L’ufficialità della decisione, salvo ripensamenti dell’ultimo minuto, dovrebbe essere comunicata ne prossimi giorni.

Pressioni E’ vero che nelle ultime settimane a Bacchetta sono arrivare pressioni uguali e contrarie: da una parte il Pd del tandem Verini-Sereni che pur di scongiurare l’isolamento dei democrat sulla candidatura di Andrea Fora ha provato a giocarsi tutte le carte: dai posti in lista a promesse di futuri incarichi. Dall’altra però, invece, numerosi esponenti delle forze sociali ed economiche e non solo dell’Alta Umbria hanno bussato alla porta di Bacchetta per invitarlo a scendere in campo e guidare un fronte di marca civica e di collocazione nel centrosinistra per fermare le truppe del centrodestra a trazione leghista. E sembra che proprio a quest’ultimo fronte Bacchetta abbia dato la disponibilità a scendere in campo. E’ chiaro che nel mondo variegato del civismo restano ancora resistenze ma il tempo stringe e nessuno ha davvero un nome alternativo rispetto a quello del sindaco di Città di Castello che possa in qualche modo creare e coagulare davvero consenso.

Galassia Pd Non solo, è ormai abbastanza chiaro che sulla discesa in campo di Bacchetta stanno scommettendo anche pezzi sostanziosi del Pd, non solo dell’Alto Tevere, che sin dal primo momento hanno contestato apertamente il modo in cui è stata ‘benedetta’ e in qualche modo scelta la candidatura di Fora da parte dell’attuale dirigenza regionale democrat che si ritrova sulle posizioni del commissario regionale Walter Verini. Insomma, se Bacchetta se ci sarà il rischio reale è che un pezzo del Pd andrà a convergere su di lui. Questione di giorni e la carte saranno scoperte.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere