CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Elezioni Politiche 2018, dall’Umbria sedici onorevoli: tutti i nomi

EVIDENZA Perugia Terni Politica Extra

Elezioni Politiche 2018, dall’Umbria sedici onorevoli: tutti i nomi

Redazione
Condividi

La Camera dei Deputati

PERUGIA – Sono 16 gli onorevoli che rappresenteranno l’Umbria nella prossima legislatura: cinque sono gli eletti nei rispettivi collegi uninominali, gli altri undici arrivano dai collegi plurinominali.

Uninominali. Per quanto riguarda i collegi uninominali, eletti tutti deputati del centro-destra: al Senato Donatella Tesei (al Senato, sindaco di Montefalco, eletta come indipendente in quota Lega); Franco Zaffini (spoletino, già consigliere regionale, eletto al senato con Fratelli d’Italia); Raffaele Nevi (capogruppo in Regione per Forza Italia, eletto alla Camera), Riccardo Augusto Marchetti (consigliere comunale a Città di Castello, eletto alla Camera per la Lega) ed Emanuele Prisco (assessore comunale a Perugia, eletto alla Camera per Fratelli d’Italia).

Plurinonominali. Al plurinominale eletti per il Pd Anna Ascani, deputato uscente di Città di Castello; Nadia Ginetti, deputato uscente ed ex sindaco di Corciano ed inoltre il sindaco di San Gemini Leonardo Grimani, che entra in Senato grazie al fatto che il primo eletto, Matteo Renzi, ha optato per il Collegio di Firenze. Per il Movimento Cinque Stelle riconfermati la deputata perugina Tiziana Ciprini ed il senatore ternano Stefano Lucidi. Il centrodestra piazza invece il senatore di Passignano sul Trasimeno Luca Briziarelli (Lega), il neodeputato vicesindaco di Nocera Umbra Virgilio Caparvi (Lega), la riconfermata tifernate alla Camera Catia Polidori (Forza Italia) e al Senato la perugina Fiammetta Modena di Forza Italia. Dentro anche, ripescati col meccanismo dei resti, il deputato uscente del Pd, il tifernate Walter Verini e il deputato uscente folignate del Movimento 5 Stelle Filippo Gallinella.

Le prossime tappe. Il nuovo Parlamento si riunirà  per la prima volta e procede all’elezione dei rispettivi presidenti il 24 marzo. L’Assemblea della Camera sarà presieduta, nella prima seduta all’apertura di ogni legislatura, dal più anziano per elezione tra i Vicepresidenti della legislatura precedente, che in questo caso sarà Roberto Giachetti del Pd, rieletto. La prima seduta dell’Assemblea del Senato, e fino all’elezione del nuovo Presidente, è presieduta provvisoriamente dal più anziano di età. Dati anagrafici alla mano, quindi, il ruolo di dirigere i lavori dell’Aula di palazzo Madama dovrebbe spettare al senatore a vita Giorgio Napolitano.

Avvicendamenti Con l’elezione di Raffaele Nevi, Maria Rosi, ex consigliere regionale di FI, rientra a Palazzo Cesaroni essendo stata nel 2015 la prima dei non eletti per Forza Italia. Situazione da valutare anche a San Gemini, dove è sindaco il Pd Leonardo Grimani e a Montefalco, dove governa Donatella Tesei. In entrambi i Comuni ll voto è previsto nel 2019. Per quanto riguarda l’assessore all’Urbanistica di Perugia Emanuele Prisco, la scelta sembra essere quella di rimanere al suo posto, anche perché non c’è incompatibilità con il ruolo di deputato.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo