CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Salvini in Umbria: “Immigrazione fuori controllo, chiudere moschee illegali”

Cronaca e Attualità Alta Umbria Extra EVIDENZA2 Città

Salvini in Umbria: “Immigrazione fuori controllo, chiudere moschee illegali”

Redazione politica
Condividi

UMBERTIDE – “Dietro a questa moschea ci sono i fondi del Qatar. Perchè nel cuore dell’ Umbria devo avere un insediamento di un paese islamico oltranzista?”. Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, in visita a Umbertide al cantiere dove è in costruzione da anni il centro culturale islamico oggetto di polemiche e scontri politici.

No alle moschee illegali “Ribadisco il mio ‘ no’ per iniziative di questo genere su cui ci sono diverse inchieste aperte – ha affermato Salvini – bisogna chiudere le moschee illegali, sapere chi finanzia, chi c’è dietro, da dove arrivano i soldi, chi predica e cosa predica. Io non ho problemi religiosi e di culto con nessuno: uno può essere valdese, ebreo, protestante, buddista. Il problema dell’ Islam è che è una legge, non una religione: nel nome di un Dio impone una legge secondo me incompatibile con i nostri valori, i nostri diritti e le nostre libertà”.

Lega sulle barricate “Io non voglio che in casa mia si insedino persone – ha continuato il leader del Carroccio – per cui la donna vale meno dell’ uomo, la giustizia islamica prevale sulla giustizia italiana, la libertà  di pensiero è limitata da quello che prevede il Corano”. Contro l’ approvazione del progetto e l’ avvio dei lavori del centro islamico a Umbertide la Lega umbra si è sempre schierata duramente, con il consigliere regionale Valerio Mancini che a settembre ha portato avanti uno sciopero della fame, a seguito dell’ impossibilità di discutere in aula del tema per mancanza del numero legale.

Vincere “Conto su di voi per vincere le elezioni politiche e passare finalmente dalle parole ai fatti. Per vincere in Comune con un sindaco che abbia come priorità i suoi cittadini e non i centri culturali islamici. E poi vincere anche in Regione Umbria per mandare a casa i compagni che hanno devastato questa terra”, ha dichiarato Salvni. “Stiamo riscoprendo l” orgoglio di una terra bella come l” Umbria – ha detto Salvini – che qualcuno a Roma si è dimenticato. Chi ha amministrato questa terra lo ha fatto massacrando gli ospedali, le strade e le scuole. Noi non abbiamo bacchette magiche ma le nostre priorità sono lavoro e sicurezza”.

Striscione “Occhio Salvini. Stavolta spariamo noi” è la scritta tracciato su uno striscione bianco affisso durante la notte su uno dei cavalcavia tra la E45 e la statale Pian d’Assino in occasione della visita del segretario della Lega a Umbertide. E’ stato subito sequestrato dai carabinieri che stanno ora svolgendo accertamenti. Sullo striscione non figurano sigle. Mentre la scritta è stata realizzata utilizzando i colori rosso e verde su sfondo bianco. Uno striscione contro il leader del Carroccio è stato poi esposto in occasione della manifestazione organizzata da Umbertide antirazzista e antifascista in occasione della visita in città del leader del Carroccio. “Fai la guerra ai poveri e sei servo di Berlusconi”.